Colesterolo alto: pronto macchin…

Alcuni pazienti sono gene…

“Storie di vita negli anni d’arg…

Una ricerca condotta da F…

DAPHNE LAB, biomedica italiana a…

Già presente in Italia co…

Pediatria - Estate e bambini: us…

Roma, 26 luglio 2012 – L’…

Da invertebrati a vertebrati: co…

In una specie di emicorda…

Gene invecchiamento legato all'i…

Un gene che aiuta a c…

Big Pharma, il cento per cento d…

I settori principali sono…

Tumori del colon: 234 sono i gen…

I geni coinvolti nello sv…

Asma: gli ftalati sono una causa…

Due comuni ftalati utiliz…

Talassemia: il deferiprone si ri…

[caption id="attachment_9…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro alla prostata: il ruolo di un enzima sul grado di aggressività

E’ un enzima a determinare l’aggressivita’ del tumore alla prostata. prostataLo ha scoperto uno studio della Mayo Clinic, che ha anche sviluppato una molecola in grado di fermarne l’attivita’, pubblicato dalla rivista Molecular Cancer Research. La molecola scoperta e’ una proteasi, specializzata cioe’ nel ‘digerire’ altre molecole, chiamata Prss3: “I nostri dati suggeriscono che questo enzima cambia l’ambiente intorno alle cellule tumorali della prostata – scrivono gli autori – probabilmente liberandolo dal tessuto circostante e promuovendone l’invasivita'”.

Lo studio e’ stato fatto sulla base di dati resi pubblici da trial clinici che contenevano analisi delle molecole sovraespresse nei tumori, un metodo che ha gia’ portato in passato alla scoperta di una proteasi legata al cancro al seno: “Abbiamo anche dimostrato – aggiungono i ricercatori – che in topi in cui il gene che codifica il Psss3 e’ silenziato il tumore non diventa aggressivo, una scoperta che suggerisce diverse vie terapeutiche possibili”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x