Cellule staminali amniotiche per…

Uno studio laboratoriale …

Merck Serono destina 1 milione d…

Merck Serono lancia il G…

Ictus: sensore sottocutaneo per …

Cinquecento pazienti in E…

Equivalenti: l’Italia deve entra…

La Corte di Giustizia d…

Ustekinumab: nuovi risultati di …

I benefici di ustekinumab…

Sigaretta elettronica: tanto vap…

Maschio, ex fumatore,…

Nasce in Messico un bimbo col DN…

E' nato in Messico cinque…

Decodificato l’intero codice gen…

New York, 17 dicembre 200…

Dieta grassa e sonnolenza diurna

Un calo dell’attenzio…

Occhio agli uomini italiani: olt…

Una recente indagine inte…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro alla prostata: il ruolo di un enzima sul grado di aggressività

E’ un enzima a determinare l’aggressivita’ del tumore alla prostata. prostataLo ha scoperto uno studio della Mayo Clinic, che ha anche sviluppato una molecola in grado di fermarne l’attivita’, pubblicato dalla rivista Molecular Cancer Research. La molecola scoperta e’ una proteasi, specializzata cioe’ nel ‘digerire’ altre molecole, chiamata Prss3: “I nostri dati suggeriscono che questo enzima cambia l’ambiente intorno alle cellule tumorali della prostata – scrivono gli autori – probabilmente liberandolo dal tessuto circostante e promuovendone l’invasivita'”.

Lo studio e’ stato fatto sulla base di dati resi pubblici da trial clinici che contenevano analisi delle molecole sovraespresse nei tumori, un metodo che ha gia’ portato in passato alla scoperta di una proteasi legata al cancro al seno: “Abbiamo anche dimostrato – aggiungono i ricercatori – che in topi in cui il gene che codifica il Psss3 e’ silenziato il tumore non diventa aggressivo, una scoperta che suggerisce diverse vie terapeutiche possibili”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi