Alzheimer: decisiva l'iperintens…

Scoperto un ulteriore fa…

Asma bronchiale: nuova tecnica s…

Una nuova tecnica per il …

Malaria: scoperte mutazioni gene…

Scoperte le mutazioni gen…

Tumori: fotoimmunoterapia e anti…

La luce potrebbe aiutare …

Dalla NASA, un naso che individu…

[caption id="attachment_4…

Alzheimer: una nuova proteina gu…

[caption id="attachme…

La "sesta base" del DNA e le spe…

Quella che è stata battez…

Scienziati scoprono meccanismo d…

Scienziati provenienti da…

Tumore del colon: sospetti su ju…

Uno studio scozzese ind…

Melanoma: nel potenziale di memb…

Un cambiamento nel potenz…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Scoperto un gene chiave nella crescita del cervello. Responsabile della microcefalia

Scoperto il ruolo chiave di un gene responsabile della microcefalia, una patologia che determina la ridotta crescita del cranio, con conseguente grave ritardo mentale, e che colpisce un nato ogni diecimila. Lo studio, effettuato dai ricercatori del Research Institute of Molecular Pathology di Vienna (Austria) in collaborazione con i colleghi australiani della Monash University, è stato pubblicato su Cell Reports.

cellule_cerebrali cellule_cerebrali
David Keays, a capo del gruppo di ricerca austriaco, spiega che a essere colpevoli sono alcune mutazioni del gene Tubb5, responsabile della produzione di tubulina, sostanza indispensabile per la costruzione dello scheletro delle cellule: ogni volta che una cellula si muove o si divide, infatti, si basa sulle ‘linee guida’ di questa struttura interna, che agisce come un ponteggio.

Gli studiosi sono stati in grado di interferire con la funzione del Tubb5 nel cervello di topi non ancora nati, causando importanti disturbi nella formazione e nella migrazione delle cellule cerebrali – sia la generazione dei neuroni dalle cellule staminali che il loro corretto posizionamento nella corteccia cerebrale sono infatti fattori essenziali per lo sviluppo del cervello dei mammiferi.

Anche se lo studio sugli esseri umani è ancora lontano dall’essere effettuato, spiegano i ricercatori, queste informazioni saranno fondamentali per curare i bambini con questa malattia e consentiranno lo sviluppo di nuovi test genetici. «Il nostro progetto dimostra – conclude Keays – come la ricerca in laboratorio può contribuire a migliorare la vita nella clinica».

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi