Cancro al seno: aspirina e ibupr…

Ibuprofene e Aspirina sem…

Nuovo approccio per la terapia a…

[caption id="attachment_1…

Perché il corpo femminile ha un …

Il feto e la placenta so…

AIDS: è in arrivo un farmaco uni…

La pillola unica contro i…

Ictus: limitarne i danni, agendo…

Nuove ricerche pubblicate…

Aglio invecchiato: il migliore p…

L’aglio in fase di germin…

Pollini: potrebbero diventare pr…

I pollini, problema annua…

Reflusso gastroesofageo: dei mag…

Le persone che soffrono d…

Memoria e capacità cognitive: il…

Secondo un nuovo studio i…

Al via la fase finale della sper…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Un primo bilancio della campagna d’informazione sui farmaci equivalenti

federanziani AssoGenerici e Federanziani tracciano un primo bilancio della campagna che ha visto finora la partecipazione di circa 4000 anziani in tutta Italia

Roma, 20 dicembre 2012 – Si è conclusa in questi giorni la prima parte della campagna d’informazione dedicata ai farmaci equivalenti rivolta alla popolazione anziana, realizzata da AssoGenerici in collaborazione con FederAnziani e con il patrocinio dell’AIFA.

L’iniziativa ha preso avvio lo scorso maggio con l’obiettivo di “creare occasioni di incontro diretto con i cittadini e di scambio di informazioni con gli esperti, al fine di fugare luoghi comuni e leggende metropolitane sul farmaco equivalente”, secondo quanto espresso al suo annuncio da Giorgio Foresti, presidente di AssoGenerici.


“Una reale opera di educazione sanitaria”, dunque, che, attraverso la rete dei centri aderenti a Federanziani, ha visto finora la realizzazione di 73 microconvegni su tutto il territorio nazionale con la partecipazione di circa 4000 anziani.

Gli incontri sono stati volutamente indirizzati alla popolazione degli over 65, che da sola consuma il 63% della spesa farmaceutica italiana, favorendo, come auspicato dal presidente di Federanziani, Roberto Messina, “la diffusione di una più esaustiva conoscenza dei farmaci equivalenti e del corretto utilizzo”, anche mediante questionari volti a sondare il livello di conoscenza dei generici da parte degli anziani, spesso disinformati e disorientati circa le scelte più corrette per la propria salute.

 

“Che cos’è un farmaco generico-equivalente e in cosa si differenzia da un farmaco ‘di marca’? Che cosa si intende per bioequivalenza? Chi garantisce la qualità, la sicurezza e l’efficacia di tali farmaci? Quali sono i vantaggi per i cittadini e per il Servizio sanitario nazionale legati all’uso dei farmaci equivalenti?” A queste ed altre domande, gli esperti hanno fornito nel corso degli incontri risposte “qualificate ed argomentate”, con un linguaggio semplice ed esplicativo volto a chiarire dubbi e perplessità su una questione oggi prioritaria riguardante tutti in prima persona.

 

Tuttavia, si registrano ancora resistenza e scetticismo verso gli equivalenti da parte dei medici, un atteggiamento infondato fonte di confusione per i pazienti e soprattutto per i pazienti anziani.

La campagna d’informazione riprenderà con il nuovo anno, puntando ad accrescere adesione e conoscenza verso il farmaco generico, che garantisce stessa qualità, sicurezza ed efficacia del farmaco di marca, ad un costo decisamente più basso.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi