Malattie mitocondriali: si valut…

Scoperto un potenziale b…

Stamina: morta Sofia, bambina af…

"E' morta la prima bamb…

Inasprito un parassita (Trichomo…

Un piccolo virus a RNA a …

Lo studio clinico LUME-Ovar-1 di…

Boehringer Ingelheim ha a…

Le sigarette veicolano ceppi bat…

Le sigarette sono "ampiam…

Alzheimer: ecco come la caffeina…

Scoperto il motivo per cu…

Test predittivo per la risposta …

Chiamato BH3 profiling, v…

Cancro alla prostata: aggiungere…

[caption id="attachment_…

Calvizie: nuovo metodo con la ri…

Metodo innovativo per s…

GIUSEPPE MELE, PRESIDENTE FIMP: …

Roma, 27 Ottobre 2012 - "…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La salute in fumo nuovi passi in Europa. Fumatori: aprite gli occhi

ALT_LOGOMilano, 20 dicembre 2012 – Al termine di un iter lungo e travagliato, la proposta per la revisione della direttiva sui prodotti da tabacco è stata approvata ieri 19 dicembre 2012 nel tardo pomeriggio dalla Commissione Europea. La novità sostanziale riguarda i prodotti che dovranno recare sui pacchetti immagini che, attraverso l’enfatizzazione del rischio e del danno che il tabacco causa alla salute di tutti noi, convincano i fumatori a limitare o eliminare il consumo. In attesa del vaglio del Parlamento Europeo ALT – Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari – Onlus e rappresentante italiano di EHN – European Heart Network esprime soddisfazione per questo passo avanti contro il fumo ancora oggi un’abitudine molto diffusa nelle donne e nei giovani.

Se nel 1994 solo 9 donne su 100 erano fumatrici, le ultime statistiche europee ci dicono che le tabagiste in Italia, dai 15 anni in su, rappresentano ora il 23% della popolazione femminile.

Da tempo l’Associazione porta avanti campagne di informazioni sull’importanza della prevenzione delle malattie cardio e cerebro vascolari da Trombosi. Malattie, queste, causate dalla formazione di un trombo che occlude i vasi, formatosi grazie all’azione di una squadra di complici, di cui il fumo è un attore principale. L’impatto del consumo di tabacco in alcuni soggetti che sono più fragili anche per ragioni genetiche non è da sottovalutare. Con qualunque altro fattore di rischio il fumo si allei (ipertensione, stress, colesterolo alto, inattività fisica, obesità, pillola antifecondativa) crea un mix esplosivo.

Correggere i fattori di rischio riduce le possibilità di incorrere in una malattia da Trombosi, epidemia dei nostri giorni, che grava pesantemente sulle economie europee. In tempi di crisi, come quelli che oggi attraversiamo, un incremento del prezzo delle sigarette, che si avvicini a quello medio europeo potrebbe permettere di raccogliere le risorse necessarie per investire in campagne di prevenzione.

Sul tema dei costi delle malattie cardiovascolari da Trombosi e dell’investimento in prevenzione ALT ha convocato una conferenza stampa aperta al pubblico che si terrà il 6 febbraio 2013 a Milano, presso Palazzo Clerici. Per ulteriori informazioni visita il sito trombosi.org.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi