Una donna su dieci ha un grave s…

Alla Mangiagalli sviluppa…

Pumilio: la proteina che regola …

[caption id="attachment_5…

Antidepressivi in gravidanza: a …

Le donne che assumono ant…

Farmaci cardiovascolari: rapport…

Si conferma anche nei pr…

Scoperto il gene-guida che manti…

Roma, 15 dic. - Per alzar…

Merck Serono inaugura i nuovi la…

investiti oltre 12 milion…

Divieto di fumo: sta riducendo c…

Il divieto di fumare nei…

Urologia: per gli uomini si cons…

Appello degli urologi agl…

Ritardare il taglio del cordone …

Per contrastare le carenz…

Lesioni del midollo: cellule sta…

I neuroni ottenuti da sta…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Aborto spontaneo: individuati i segnali molecolari che individuano l’accettazione dell’embrione nel grembo

Identificati i segnali molecolari che controllano i meccanismi di accettazione o meno degli embrioni dal grembo materno. impiantoTali meccanismi funzionano in modo anomalo in quelle donne che subiscono ripetuti aborti spontanei. E’ la scoperta di uno studio dell’Imperial College London e dell’Universita’ di Warwick che suggerisce che questi segnali potrebbero diventare nuovi bersagli per terapie farmacologiche finalizzate a prevenire le interruzioni di gravidanza naturali nelle donne particolarmente vulnerabili. La ricerca e’ stata descritta in un articolo pubblicato sulla rivista ‘Plos One’.

[one_fourth last=”no”]




[/one_fourth]

La molecola risultata determinante nell’influenzare il sano sviluppo di un embrione nell’utero e’ la IL-33 che le cellule secernono durante la fase ricettiva, influenzando le attivita’ delle cellule limitrofe. Normalmente gli effetti chimici di questa e di altre molecole nella mucosa uterina sono di breve durata – il tempo necessario a mantenere aperta la “finestra di fertilita'” – ma nelle donne che hanno subito piu’ di tre o quattro aborti spontanei la molecola IL-33 risulta presente a livelli maggiori e continua ad essere secreta per dieci giorni. Secondo gli studiosi, cio’ interferisce con la normale ricettivita’ dell’utero, stravolgendo i meccanismi che permettono all’organismo femminile di accettare e sostenere correttamente l’embrione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: