Dengue: zanzare modificate per c…

Scienziati australiani ha…

Polmonite: l'uomo più a rischio …

Basta prendere in giro gl…

La proteina a guardia dell'integ…

Una nuova ricerca ha chia…

Febbre tifoidea: ottimi risultat…

Sono positivi i risultati…

Quale influenza hanno avuto le i…

Centomila anni fa la popo…

IL RUOLO DELLA AUTOIMMUNITÀ TIRO…

Kris Poppe*, Brigitte V…

CCSVI: nasce l’Associazione Nazi…

VENERDI’ 9 APRILE 2010: L…

Scoperta la molecola della buona…

La voglia di fare, la mot…

Cellule staminali ringiovanite p…

[caption id="attachme…

Ipertensione: se il sonno è dis…

Un anziano che soffre di…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: fibrille proteine tau deformati e le conseguenze neurodegenerative

Le malattie del cervello associate alle proteine tau deformate, tra cui il morbo di Alzheimer e la degenerazione lobare frontotemporale, sono caratterizzate da grovigli neurofibrillari (Nft) costituiti da filamenti tau patologici. tauGrovigli delle proteine Tau si trovano anche nella paralisi sopra-nucleare progressiva, nella degenerazione corticale basale e in altre ‘taupatie’ correlate, incluse l’encefalopatia cronica traumatica, causata da ripetute lesioni cerebrali subite nello sport o in battaglia.


Alcuni ricercatori della Penn State University, utilizzando fibrille sintetiche a base di pura proteina ricombinante, hanno fornito la prima prova diretta che le fibrille tau da sole sono del tutto sufficienti a reclutare le proteine tau solubili all’interno delle cellule e convertirle in grovigli patologici nei neuroni. La ricerca e’ stata pubblicata sul ‘Journal of Neuroscience’. “Il nostro nuovo modello di diffusione delle patologie tau fornisce una spiegazione alla progressione del morbo di Alzheimer e di altre taupatie correlate attraverso l’implicazione di questa trasmissione cellula-cellula in questo processo”, ha spiegato Virginia Lee, che ha condotto lo studio.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!