Bibite gassate: a New York non s…

I limiti salutisti al con…

Patologie cardiovascolari e risc…

La fibrillazione atrial…

L'impulso della vista nell'Idra,…

[caption id="attachment_6…

L’EMA approva la nuova terapia c…

L’EMA approva l’assoc…

Fumo di 'terza mano': confermata…

Ancora conferme sul risch…

3.9 MILIONI DI BENEFICIARI IN EU…

27 Maggio 2013 - Oggi il …

Ictus cerebrale: scoperta una ca…

Dall' Istituto neurologic…

SLA: diagnosi precoce e certa pe…

[caption id="attachment_1…

Ipertensione polmonare: studi ge…

[caption id="attachment_9…

Morbo di Hansen (lebbra): il 'po…

Difficile da 'riprodurre'…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Bendaggio gastrico: non si riprendono i chili nemmeno dopo dieci anni

Dopo dieci anni non c’è pericolo di effetto yo-yo. Almeno per gli ex obesi che si sono sottoposti al bendaggio gastrico regolabile effettuato con tecnica laparoscopica. gastric-bandingInoltre l’intervento contro i chili di troppo è sicuro ed efficace. A stabilirlo è uno studio della Monash University di Melbourne pubblicato sulla rivista ‘Annals of Surgery’. Questa tecnica, che non comporta l’asportazione di grasso ma consiste nella creazione di una piccola tasca gastrica che comunica con il resto dello stomaco tramite uno stretto orifizio, ha dimostrato che in media dopo 10 anni i pazienti operati hanno mantenuto una riduzione del peso di 26 chili.

Lo studio ha monitorato 3.227 pazienti che avevano effettuato un bendaggio gastrico tra il 1994, quando la procedura è stata introdotta, e il 2011. L’età media era di 47 anni e il 78% era formato da donne. Di questi pazienti 714, dopo 10 anni, hanno mantenuto in media una perdita di peso di 26 chili. “I nostri risultati mostrano che quando si ha un problema importante di obesità esiste una soluzione a lungo termine – spiega Paul O’Brien, autore del lavoro – ed è questo tipo di intervento. Sicuro ed efficace. Inoltre conferma benefici duraturi, oltre che sulla perdita di peso, anche su altre patologie come il controllo del diabete di tipo 2”.

Secondo la ricerca infine “non ci sono stati decessi associati con il bendaggio gastrico o con operazioni successive, necessarie in circa la metà dei soggetti monitorati. In media solo un paziente su 20 ha dovuto rimuovere il bendaggio durante il periodo di studio”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!