Nanotecnologie: scienziati in gr…

Utilizzando le nanotecnol…

Invecchiamento cardiaco: scopert…

[caption id="attachment…

Arteriosclerosi: l'esposizione a…

L'esposizione al cadmio,…

Strutture molecolari tridimensio…

Per la prima volta in ass…

Comunicare le biotecnologie e l’…

A confronto scienziati e …

Movimenti oculari e legami con l…

Scienziati nel Regno Unit…

Al Policlinico di Bari la prosta…

Policlinico di Bari Urolo…

Tumore rettale: primo intervento…

Londra, 30 nov. - Un pazi…

Epatite C: farmaco per eradicarl…

Un anno dopo l'approvazio…

Mieloma multiplo: sviluppata nuo…

Sviluppata una molecola s…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Carcinoma alla prostata: ricerca rivela come alcuni trattamenti riducono le dimensioni del pene

Alcuni trattamenti contro il carcinoma della prostata riducono le dimensioni del pene. Almeno questo e’ quanto emerso da uno studio che ha raccolto le denunce di molti pazienti curati con prostatectomia radicale, la rimozione chirurgica della prostata, o farmaci che agiscono sugli ormoni in combinazione con la radioterapia.carcinoma-prostata La ricerca e’ stata condotta da un team di ricercatori del Dana Farber/Brigham e dal Women’s Cancer Center. I risultati evidenziano che nessun uomo che ha seguito esclusivamente la radioterapia ha lamentato una correlata riduzione delle misure del pene. L’indagine e’ stata pubblicata sulla rivista ‘Urology’. I risultati della ricerca si basano sui dati raccolti attraverso il monitoraggio delle condizioni di 948 uomini trattati per cancro alla prostata che avevano subito una recidiva della malattia.


Venticinque uomini (il 2,63 per cento del gruppo) hanno lamentato la riduzione delle dimensioni del proprio pene dopo il trattamento: il 3,73 per cento a causa dell’intervento chirurgico e il 2,67 per cento a causa della radioterapia combinata con la terapia di deprivazione androgenica e lo zero per cento per la sola radioterapia. “Il cancro alla prostata e’ uno dei pochi tumori che permette ai pazienti di scegliere il tipo di trattamento – ha spiegato Paul Nguyen, coordinatore della ricerca – per questo e’ meglio che i pazienti siano informati con precisione sulle conseguenze delle differenti terapie in modo da poter scegliere tra la gamma di possibili effetti collaterali con maggior consapevolezza”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi