Report sulla sigaretta elettroni…

Agenzia Nazionale per la …

Le mandorle e il loro benefico r…

[caption id="attachment_8…

Un nuovo stent a rilascio di far…

Al 7° Summit internaziona…

Lotta al dolore e spending revie…

Il 29 e 30 Giugno, torna …

Eccellenza “targata” al reparto …

Una targa prestigiosa -ch…

A OLBIA L’OPEN DAY “LA SALUTE DE…

Il 26 novembre screening …

Biosentinella salva-cuore, per e…

È il biomarker copeptina.…

AIDS: da medicinali generici la …

L'uso di medicinali gene…

Cancro al seno e obesita': scope…

Un comune "mantra" che ci…

Donne italiane dopo la menopausa…

Workshop Incontinenza U…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Carcinoma alla prostata: ricerca rivela come alcuni trattamenti riducono le dimensioni del pene

Alcuni trattamenti contro il carcinoma della prostata riducono le dimensioni del pene. Almeno questo e’ quanto emerso da uno studio che ha raccolto le denunce di molti pazienti curati con prostatectomia radicale, la rimozione chirurgica della prostata, o farmaci che agiscono sugli ormoni in combinazione con la radioterapia.carcinoma-prostata La ricerca e’ stata condotta da un team di ricercatori del Dana Farber/Brigham e dal Women’s Cancer Center. I risultati evidenziano che nessun uomo che ha seguito esclusivamente la radioterapia ha lamentato una correlata riduzione delle misure del pene. L’indagine e’ stata pubblicata sulla rivista ‘Urology’. I risultati della ricerca si basano sui dati raccolti attraverso il monitoraggio delle condizioni di 948 uomini trattati per cancro alla prostata che avevano subito una recidiva della malattia.


Venticinque uomini (il 2,63 per cento del gruppo) hanno lamentato la riduzione delle dimensioni del proprio pene dopo il trattamento: il 3,73 per cento a causa dell’intervento chirurgico e il 2,67 per cento a causa della radioterapia combinata con la terapia di deprivazione androgenica e lo zero per cento per la sola radioterapia. “Il cancro alla prostata e’ uno dei pochi tumori che permette ai pazienti di scegliere il tipo di trattamento – ha spiegato Paul Nguyen, coordinatore della ricerca – per questo e’ meglio che i pazienti siano informati con precisione sulle conseguenze delle differenti terapie in modo da poter scegliere tra la gamma di possibili effetti collaterali con maggior consapevolezza”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi