Cancro al fegato: sperimentata u…

Bloccare il nutrimento al…

Cataratta: la cura non migliora …

Ricercatori trovano la ch…

Farmaci al domicilio del pazient…

Posizione comune di FOFI …

Ipertensione: lì dove non arriva…

Impiantata nella gamba, è…

Sindrome delle gambe senza ripos…

Un team internazionale di…

"Live Case Transmission" tra Aba…

Il collegamento in dire…

La colonscopia si tinge di blu

Tra le novità prese…

L'area del cervello che 'delimit…

[caption id="attachme…

I videogames d’azione migliorano…

12 ore di videogiochi val…

Neuroscienze: perdita della memo…

La perdita di memoria…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

I pediatri SIPPS: lo yoga, buon alleato dei bambini

SIPPS

Roma, 31 gennaio 2013 – Lo Yoga in età pediatrica può rivelarsi utile alla crescita e allo sviluppo sano del bambino. Un primo passo d’apertura a questa disciplina arriva dai pediatri della Società italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS), i quali hanno dato voce alla Federazione italiana Yoga nel corso dell’ultimo Congresso della SIPPS. Quando nei più piccoli si verificano condizioni di disagio psichico e di forte stress, – ha dichiarato il Dottor Giuseppe Di Mauro, pediatra e Presidente SIPPS –  è necessario intervenire prima che queste situazioni diventino “endemiche” e possano sfociare in forti disagi o vere e proprie patologie.  In un’epoca in cui i bambini vivono tempi accelerati e non adatti ai loro ritmi naturali è importante cercare nuovi strumenti che, metodologie semplici come il movimento e la respirazione, consentano ai più piccoli di imparare a ‘stare bene’”.[one_fourth last=”no”]




[/one_fourth]
Sviluppare le potenzialità specifiche di ogni bambino, recuperare situazioni di stress, di disagio psichico e sociale e anche superare difficoltà nell’apprendimento: sono questi alcuni dei benefici dello yoga in età pediatrica. La Dottoressa Antonietta Rozzi, Docente di Pedagogia Yoga della Facoltà di Scienze della Formazione di Bologna e Bolzano-Bressanone, ha espresso le grandi potenzialità di questa antica arte orientale rivolta ai bambini e ai ragazzi, nel corso della relazione “Introduzione alla scienza dello Yoga per bambini” in occasione del XXIV Congresso della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale.

. “Lo yoga – ha dichiarato Antonietta Rozzi – persegue, per certi aspetti, gli stessi fini della pedagogia: accompagnare il bambino nel suo percorso di crescita attraverso lo sviluppo delle sue potenzialità e di una personalità equilibrata, autonoma e libera da condizionamenti. Infatti, la ‘pedagogia yoga’ coniuga lo sviluppo della vita interiore con quello esteriore in un percorso equilibrato che si rivela particolarmente utile a compensare alcuni aspetti degli stili di vita della società occidentale moderna.”

La scienza yoga, la cui origine risale a qualche millennio prima dell’era cristiana, si basa su una approfondita conoscenza del corpo e della psiche. Il famoso psicanalista Carl Gustav Jung l’ha definita “la più antica indagine che l’uomo abbia mai svolto sul corpo e sulla mente”. Questa disciplina orientale è indirizzata a percorsi di ricerca interiore e alla ricerca di uno stato di benessere fisico, psichico e sociale.

 

Lo yoga per bambini si avvale degli stessi strumenti utilizzati per gli adulti, la cosiddetta “pedagogia e didattica yogica” ma con approccio e modalità di attuazione diversi e più ludici e con tempi diversi adattati all’età dei bambini.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi