Inaspettata efficacia di un anti…

L'antidepressivo, noto c…

Tumori: proteine marker del papi…

A seconda del ceppo o del…

Fibrosi cistica: gli estrogeni p…

Pubblicato sul "New Engla…

APPUNTAMENTO A MILANO PER SCOPRI…

A Milano un incontro tra …

Sinapsi: individuata una protein…

[caption id="attachment_5…

LA SIPPS plaude alla diminuzione…

Da anni la Società Italia…

[ASCO] Tumori della tiroide e de…

[caption id="attachment_7…

Ansia: nuove alternative di trat…

Ricercatori scoprono …

Osteoporosi: per 3 donne su 5 vi…

Invecchiamento e menopaus…

Diagnosi preimpianto per diventa…

Diventare genitori grazi…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il colesterolo “brutto” e le implicazioni con eventi ischemici

Il rischio di malattie cardiache ischemiche nelle persone con alti livelli di cosiddetto colesterolo ‘brutto’ e’ tre volte piu’ alto.ischemia Sono questi i risultati di uno studio pubblicato sul ‘Journal of the American College of Cardiology’ da parte dell’Universita’ di Copenaghen. La ricerca, che ha coinvolto circa 73mila danesi, getta luce in un dibattito molto antico su questo argomento. Il colesterolo ‘brutto’, spiegano gli studiosi, e’ diverso dal colesterolo ‘buono’ (Hdl) e da quello ‘cattivo’ (Ldl): in questo modo e’ denominato quel colesterolo che si presenta in forma di particelle residuali, che e’ decisamente dannoso.


“Il colesterolo ‘brutto’ e’ la causa diretta dell’arteriosclerosi che alla fine puo’ portare a malattie ischemiche e morte precoce”, ha spiegato Borrge Nordestgaard, che ha condotto la ricerca, “esaminando 73mila soggetti siamo arrivati alla conclusione che esso triplica il rischio di essere colpiti da questi disordini”. Gli scienziati auspicano che l’industria farmaceutica sviluppi presto nuove medicine che colpiscano questo specifico tipo di colesterolo che, se trascurato, puo’ avere conseguenze molto negative.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x