Benzodiazepine per gli anziani p…

Le benzodiazepine aumenta…

Pelle "in vitro".

Pelle creata utilizzando …

Le giornate neurologiche torines…

Dalle Giornate Neurologic…

Il fumo passivo pericoloso anche…

[caption id="attachment_8…

Aggiornamento dei foglietti illu…

Roma, 7 maggio 2014 - “E’…

[Sanitanews] Universita' di Mode…

[caption id="attachme…

Proterozoico "ossigenato" da un …

[caption id="attachment_7…

Diabete: la tirosina a livelli e…

Elevati livelli di un amm…

AIRC e le arance della salute. S…

Nelle principali piazze i…

Tessuto adiposo di fianchi, glut…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il gene che non fa produrre “odori”, chi lo possiede può evitare deodoranti

Non tutti hanno bisogno del deodorante. Anzi, secondo una ricerca dell’Università di Bristol, in Gran Bretagna, ben 8 persone su 10 potrebbero addirittura farne a meno perché il loro sudore è “geneticamente” profumato. O meglio neutro, vale a dire non predisposto a quella degradazione batterica che produce profumi sgradevoli.geni

Lo studio, pubblicato sul Journal of Investigative Dermatology, ha esaminato circa 6.500 donne e ha dimostrato che il 2% ha una variante genetica rara, il gene ABCC11, il gene che non fa produrre olezzi. Di questo gruppo, il 78% delle donne, le più fortunate, adoperano comunque spray e stick per mettere in sicuro le ascelle dal rischio di sudore maleodorante, pur non avendone bisogno. Infatti, come spiega Santiago Rodriguez, autore dello studio, “riteniamo che queste persone semplicemente continuino a seguire inconsapevolmente una norma socio-culturale non necessaria dato che la variante genetiche permette loro di non emanare cattivi odori sudando”.

Profumarsi è quindi un gesto prima di tutto sociale, un elemento di comunicazione, che viene scelto anche quando non ce n’è bisogno. Tuttavia, la ricerca potrebbe aiutare alcune persone ad evitare prodotti chimici e i loro rischi. La nuova frontiera della cosmesi, quindi, potrebbe essere un test genetico in grado di descrivere il profilo di ogni utilizzatore di prodotti di bellezza, profumi e deodoranti in testa.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi