Sindrome di Down: ottenuto il pr…

La speranza è che le nuov…

Stamina Foundation: ministero fi…

Sara' un Comitato scien…

Fratture e traumi sistema schele…

[caption id="attachment_6…

Prostatite: tre domande per scop…

Dal congresso europeo deg…

Il meccanismo molecolare che ann…

[caption id="attachment_5…

Occhio al diabete di cani e gatt…

Novembre è il mese della …

La difesa immunitaria delle zanz…

No anticorpi, no problem,…

Stress post-traumatico, e l'util…

Basse dosi di una sos…

Miastenia gravis: la ricerca sul…

[caption id="attachment_1…

Un nuovo approccio nella cura de…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Infezioni polmonari: potrebbe essere l’odore dei batteri il nuovo marker per individuarli offrendo diagnosi precisa

I differenti batteri che possono infettare i polmoni hanno un ‘odore’ che li contraddistingue, e che puo’ essere usato per diagnosi in pochi minuti invece che settimane. infezione_polmonareLo ha scoperto uno studio dell’universita’ del Vermont pubblicato dal Journal of Breath Research. Nello studio i ricercatori hanno infettato alcuni topi con diversi ceppi di Pseudomonas aeruginosa e Staphylococcus aureus, due batteri comuni nelle infezioni.


Dopo 24 ore sono stati presi dei campioni del respiro degli animali, analizzati con una tecnica chiamata spettrometria di massa alla ricerca di composti organici volatili: “C’e’ una differenza significativa tra i risultati delle analisi degli animali malati e di quelli sani – spiegano gli autori – l’analisi del respiro e’ promettente, anche se dobbiamo ancora mettere a punto diversi

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x