Asma: quanto incide il rapido sv…

I neonati che crescono pi…

Nuova tecnica per cellule stamin…

Sviluppata una nuove tecn…

Fibrosi cistica: ricercatori pre…

[caption id="attachment_1…

Europa No-Smoking: il 60 percent…

Europa 'no smoking'. Il …

Le modifiche al Dl Rilancio econ…

AssoGenerici plaude all’a…

Vescica iperattiva: riguarda 5 m…

In Italia sono oltre cin…

Papilloma virus a rischio cancro…

La campagna avviata nel 2…

Il lato indispensabile del Cromo…

Uno studio su topi ha mos…

Artrite reumatoide: il farmaco o…

[caption id="attachment_1…

Lo spermatozoo che incontra l'ov…

Scienziati Usa fotografan…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Infezioni polmonari: potrebbe essere l’odore dei batteri il nuovo marker per individuarli offrendo diagnosi precisa

I differenti batteri che possono infettare i polmoni hanno un ‘odore’ che li contraddistingue, e che puo’ essere usato per diagnosi in pochi minuti invece che settimane. infezione_polmonareLo ha scoperto uno studio dell’universita’ del Vermont pubblicato dal Journal of Breath Research. Nello studio i ricercatori hanno infettato alcuni topi con diversi ceppi di Pseudomonas aeruginosa e Staphylococcus aureus, due batteri comuni nelle infezioni.


Dopo 24 ore sono stati presi dei campioni del respiro degli animali, analizzati con una tecnica chiamata spettrometria di massa alla ricerca di composti organici volatili: “C’e’ una differenza significativa tra i risultati delle analisi degli animali malati e di quelli sani – spiegano gli autori – l’analisi del respiro e’ promettente, anche se dobbiamo ancora mettere a punto diversi

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi