Staminali della pelle: scoperto …

Ringiovanire le cellu…

Staminali: ossa ottenute partend…

Cresciute ossa da cellule…

Mutazioni pericolose di un gene …

[caption id="attachment_6…

Tiroide: sei milioni di italiani…

Di notte si girano e rigi…

Glioblastoma: nuove speranze arr…

Nuove speranze arrivano d…

Il Virus dell'HIV potrebbe avere…

Le origini del virus dell…

Legambiente: a Roma più che in a…

A Roma si rischia più c…

L'errato ripiegamento proteico: …

Il ripiegamento delle pro…

La scoperta del DNA umano anche …

La scoperto di Giulia Bif…

Embolia polmonare: il rischio el…

Studio presentato da Toru…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Infezioni polmonari: potrebbe essere l’odore dei batteri il nuovo marker per individuarli offrendo diagnosi precisa

I differenti batteri che possono infettare i polmoni hanno un ‘odore’ che li contraddistingue, e che puo’ essere usato per diagnosi in pochi minuti invece che settimane. infezione_polmonareLo ha scoperto uno studio dell’universita’ del Vermont pubblicato dal Journal of Breath Research. Nello studio i ricercatori hanno infettato alcuni topi con diversi ceppi di Pseudomonas aeruginosa e Staphylococcus aureus, due batteri comuni nelle infezioni.


Dopo 24 ore sono stati presi dei campioni del respiro degli animali, analizzati con una tecnica chiamata spettrometria di massa alla ricerca di composti organici volatili: “C’e’ una differenza significativa tra i risultati delle analisi degli animali malati e di quelli sani – spiegano gli autori – l’analisi del respiro e’ promettente, anche se dobbiamo ancora mettere a punto diversi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: