Lesioni al midollo spinale: A.O.…

In Italia circa 80.000 pe…

Meningite: arriva primo vaccino …

[caption id="attachment_9…

Clonazione "naturale": i coralli…

La clonazione esiste in n…

Mitaplatino: nuova sfida anti-ca…

La molecola nasce dalla c…

Per un'alimentazione consapevole…

La Fondazione Italiana Di…

Telethon: possibile strada da pe…

[caption id="attachment_5…

Nuova importante scoperta Italia…

[caption id="attachment_7…

Visite ai malati non-stop e repa…

  Oltre a curare al megli…

L’abc della crioconservazione

L’abc della crioconservaz…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ricerca spiega perché nascondere bisessualità è causa di ansia e depressione

Gli uomini bisessuali sono piu’ propensi a nascondere il loro orientamento sessuale rispetto agli uomini gay. bisessualitaNel primo studio che analizza la salute mentale di questo tipo di soggetti, gli scienziati della Columbia University hanno scoperto che questo occultamento puo’ essere accompagnato da piu’ sintomi depressivi e stati ansiosi.La ricerca e’ stata pubblicata sulla rivista Journal of Consulting and Clinical Psychology, e ha esaminato quel sottogruppo sociologico di uomini bisessuali che vivono una vita in prevalenza eterosessuale e che non rivelano agli altri il proprio effettivo orientamento sessuale.


I ricercatori hanno coinvolto 203 persone non gay di New York City che riportavano di essere bisessuali e di non averlo svelato alle donne con cui avevano una relazione. I risultati hanno mostrato che gli uomini che vivono con moglie o compagna, che pensano a se stessi come eterosessuali e che hanno una bassa frequenza di rapporti con altri uomini hanno minori probabilita’ di rivelare il proprio orientamento sessuale. Anche una maggior frequenza di rapporti sessuali con donne e’ corrrelata a un maggior occultamento, cosi’ come il fatto di avere un reddito elevato.[one_fourth last=”no”]

Zalando.it: -10%
[/one_fourth]
Fra quelli che nascondevano maggiormente il proprio orientamento sessuale erano presenti piu’ sintomi depressivi, ansieta’ e minori emozioni. Inoltre, confidarsi con pochi amici o familiari non era d’aiuto: il coming out non era associato a una migliore salute mentale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: