Nuovi modi di interpretare i sis…

Un team internazionale di…

Morbo di Parkinson: trovato nuov…

Nuove prove di un legame …

Nuova promettente terapia contro…

Una combinazione di due f…

Avastin-Lucentis: due nomi, stes…

''Risolta nel giro di un …

Morbo di Huntington: studiosi ir…

Alcuni ricercatori irland…

Diabetici: si usano i vermi per …

Un nuovo trattamento co…

Chemioterapia: il successo del t…

Studio italiano pubblicat…

Melanoma: nel potenziale di memb…

Un cambiamento nel potenz…

Due geni in meno nel complesso L…

[caption id="attachment_3…

Melanoma: il gene dei "rossi" ne…

Il pigmento della pel…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: decisiva l’iperintensità di materia bianca

Scoperto un ulteriore fattore decisivo per lo sviluppo dell’Alzheimer.amyloids I ricercatori del Columbia University Medical Center hanno infatti trovato che, accanto ai depositi amiloidi, un secondo fattore necessario alla sindrome sarebbe la cosiddetta iperintensita’ della materia bianca (Wmh), un disturbo cerebrovascolare ai piccoli vasi sanguigni.


Lo studio, pubblicato su ‘Jama Neurology’, ha incluso 20 persone con diagnosi clinica di Alzheimer, 59 con lieve peggioramento cognitivo e 21 soggetti di controllo sani.
I ricercatori hanno scoperto che la Wmh era associata con la diagnosi di Alzheimer come l’accumulo di placche amiloidi, sempre rispetto a quest’ultimo, era ugualmente predittivo, nei pazienti con lieve peggioramento cognitivo, della suscettibilita’ del soggetto a sviluppare Alzheimer. Poiche’ i fattori di rischio del Wmh possono essere controllati, la scoperta potrebbe aprire la strada a nuove misure preventive per contrastare l’Alzheimer.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x