Merck Serono completa l'arruolam…

Merck Serono completa l…

Cocaina: potrebbe essere una pre…

I risultati dello studio …

Tumore al seno: anche prima dei …

Una nuova analisi condott…

Vitiligine: efficace l'autotrapi…

[caption id="attachment_6…

Fu il plancton a contribuire sos…

Il plancton fornì un cont…

Fibromialgia: terapia psicologic…

Un intervento psicologico…

Ecolocalizzazione: potremmo vede…

[caption id="attachment_1…

Journal of Clinical Oncology: l’…

La pubblicazione, su un…

AiDS: un farmaco anti-rigetto st…

Una nuova ricerca pubblic…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Dolori muscolo-scheletrici: al Centro Ortopedico Fisioterapico M.E.D. di Mestre si curano con le “microcorrenti”

MEDLesioni post-traumatiche e patologie osteoarticolari, ne soffre il 60% degli atleti veneti e l’80% degli over 65. Le articolazioni più compromesse: ginocchio, spalla, anca e colonna vertebrale. Al Centro Ortopedico Fisioterapico M.E.D. di Mestre, grazie a una strumentazione hitech all’avanguardia, si interviene stimolando a livello cellulare la guarigione dei tessuti. La struttura è specializzata nel trattamento di qualsiasi problema di dolore osteoarticolare, eseguendo sia interventi chirurgici, in regime di convenzione, sia tecniche fisioterapiche strumentali e manuali d’eccellenza, avvalendosi di tecnologie innovative.

 

Mestre, 18 febbraio 2013 – Impulsi elettrici di lieve intensità e bassa frequenza, al di sotto della soglia di percezione umana, ma in grado di intervenire sul metabolismo cellulare e favorire la guarigione dei tessuti. Questo il meccanismo d’azione della Terapia BCR (regolazione biologico-cellulare), innovativa metodica per il trattamento del dolore muscolo-scheletrico, introdotta di recente in Veneto, presso il Centro Ortopedico Fisioterapico M.E.D. di Mestre. A eseguire di fatto la terapia, un’apparecchiatura tecnologica di ultima generazione che emette microcorrenti.

“Quando un tessuto è interessato da lesioni o traumi, si verifica una sorta di interruzione del normale flusso di energia endogena presente nelle cellule ed è proprio tale sospensione, che se lasciata senza cure, determina disfunzioni croniche e dolore”, spiega il dottor Michele Perozzi, medico chirurgo del Centro M.E.D., specialista in Ortopedia e Traumatologia. “Grazie alle microcorrenti indotte dalla Terapia BCR, l’area malata è sottoposta a una carica elettrica che ne riattiva le reazioni chimiche utili al processo di guarigione”.

Lesioni post-traumatiche e più complesse patologie osteoarticolari sono problematiche molto diffuse sul territorio, in particolare presso gli sportivi (il 60% degli atleti veneti è stato interessato da almeno un episodio), ma anche fra gli anziani (l’80% dei veneti over 65 ne è affetto). “Le articolazioni più compromesse solitamente sono ginocchio, spalla, anca e colonna vertebrale – continua Perozzi –. Le  tecniche con cui si può intervenire, oltre alle microcorrenti, sono molteplici: protesi mini-invasive, la chirurgia ortopedica percutanea e l’artroscopia applicabile a tutte le articolazioni. Il fil rouge che accomuna queste metodiche è il fatto di operare cercando di ledere il meno possibile i tessuti cartilaginei e ossei, permettendo una significativa riduzione dei tempi di recupero post-operatorio”.

Dal luglio scorso, sono oltre 300 i pazienti seguiti presso il Centro Ortopedico Fisioterapico M.E.D. di Mestre che, con un focus specifico sul trattamento di queste patologie, si candida a diventare un punto di riferimento regionale, eseguendo, in regime di convenzione, tecniche operatorie all’avanguardia e sottoponendo i pazienti a percorsi terapeutici strettamente personalizzati.

Le stime di utenza per l’anno 2013 prospettano un aumento del 30% rispetto al 2012. Il centro offre anche trattamenti fisioterapici e riabilitativi manu medica o effettuati con dispositivi hitech e mini-invasivi, utili nel trattamento del dolore post-operatorio, acuto e indotto da patologie croniche di tipo artrosico. Tra queste: la neurostimolazione interattiva, la TENS che producendo scariche elettriche stimola i nervi attraverso la cute, la ionoforesi, il neurotaping muscolare che restituisce la funzionalità articolare a un arto operato e i massaggi linfatici con metodo “Vodder”. Di prassi il fisioterapista opera in stretta collaborazione con il chirurgo, assistendo agli interventi dei pazienti che poi dovrà riabilitare, una volta dimessi.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!