Ricerca sull'ormone Cortisolo, c…

La ricerca ha chiarito il…

Pressione alta: arriva la cura d…

Scienziati mettono a punt…

Molecola per annientare masse tu…

Due studiosi di Urbino ha…

I Clinical Trial Center dei prin…

Eccellenza scientifica, g…

Batteri e guerra di segnali: Pse…

Anche nella lotta tra mic…

Infarto: evento grave soprattutt…

L'entita' di un attacco d…

KLOTHO permette di regolare iper…

[caption id="attachme…

AssoGenerici al fianco della SIF…

Siglata una partnership p…

A.L.I.Ce. ITALIA ONLUS e World s…

A.L.I.Ce. ITALIA ONLUS:…

Tumori al seno: la mammografia i…

E' possibile monitorare…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ischemia intestinale, l’olio di oliva limita i casi di infiammazione

Alcuni componenti dell’olio d’oliva riducono l’infiammazione associata all’ischemia intestinale e al danno da riperfusione, quando cioe’ la circolazione sanguigna torna al tessuto dopo un periodo di ischemia.ischemia La scoperta e’ di un team di ricercatori dell’Universita’ di Messina ed e’ stata descritta in un articolo pubblicato sul ‘Journal of Leukocyte Biology’. Lo studio dimostra che l’oleuropeina aglicone, un polifenolo presente nell’olio di oliva, riduce l’infiammazione associata all’ischemia intestinale e al danno da riperfusione nei topi.


La ricerca aggiunge un altro buon motivo per inserire l’olio d’oliva all’interno della dieta quotidiana. Il composto oleuropeina aglicone e’ il piu’ importante polifenolo rilevato nell’olio d’oliva e potrebbe diventare una nuova risorsa per potenziali terapie finalizzate al trattamento dell’ischemia intestinale e del danno da riperfusione negli esseri umani. Inoltre, la ricerca potrebbe apportare benefici terapeutici anche ai pazienti con lesioni del midollo spinale, artrite e pleurite.
“I composti fenolici dell’olio possono ridurre i danni secondari associati all’ischemia intestinale”, ha spiegato Salvatore Cuzzocrea, tra i coordinatori dello studio messinese “in particolare, l’oleuropeina aglicone puo’ essere utile nella terapia dell’infiammazione associata a questa malattia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: