Anche l'uomo (e i mammiferi) ha …

Una piccola porzione del …

La Stimolazione Magnetica Transc…

[caption id="attachment_6…

Embolia polmonare: nel Lazio rig…

Sabato 11 ottobre a Roma,…

Espressioni facciali: se si ridu…

I pazienti con gravi pato…

La risposta sessuale umana agli …

Un numero crescente di da…

Fratture e traumi sistema schele…

[caption id="attachment_6…

Cellule staminali: nuova procedu…

Per garantire il successo…

Una nuova via per combattere l'i…

[caption id="attachment_8…

Livelli di glucosio nel sangue: …

Per i malati di diabete, …

Sclerosi Multipla: in crescita i…

Nel mondo 2,3 milioni di …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ischemia intestinale, l’olio di oliva limita i casi di infiammazione

Alcuni componenti dell’olio d’oliva riducono l’infiammazione associata all’ischemia intestinale e al danno da riperfusione, quando cioe’ la circolazione sanguigna torna al tessuto dopo un periodo di ischemia.ischemia La scoperta e’ di un team di ricercatori dell’Universita’ di Messina ed e’ stata descritta in un articolo pubblicato sul ‘Journal of Leukocyte Biology’. Lo studio dimostra che l’oleuropeina aglicone, un polifenolo presente nell’olio di oliva, riduce l’infiammazione associata all’ischemia intestinale e al danno da riperfusione nei topi.


La ricerca aggiunge un altro buon motivo per inserire l’olio d’oliva all’interno della dieta quotidiana. Il composto oleuropeina aglicone e’ il piu’ importante polifenolo rilevato nell’olio d’oliva e potrebbe diventare una nuova risorsa per potenziali terapie finalizzate al trattamento dell’ischemia intestinale e del danno da riperfusione negli esseri umani. Inoltre, la ricerca potrebbe apportare benefici terapeutici anche ai pazienti con lesioni del midollo spinale, artrite e pleurite.
“I composti fenolici dell’olio possono ridurre i danni secondari associati all’ischemia intestinale”, ha spiegato Salvatore Cuzzocrea, tra i coordinatori dello studio messinese “in particolare, l’oleuropeina aglicone puo’ essere utile nella terapia dell’infiammazione associata a questa malattia”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi