Alla ricerca di recenti mutazion…

Due nuovi studi dimostran…

Sarcoma di Ewing: proteina chiav…

[caption id="attachment_5…

Fratture vertebrali in aumento, …

L'indebolimento della str…

Fecondazione "in vitro": nasce i…

E' nato in Inghilterr…

Dal CNR: il gene chiave per lo s…

[caption id="attachme…

Cervello: mappata la rete neural…

Le mappe complete di esp…

Chemioterapia: quando una moleco…

[caption id="attachment_9…

Progetto UE per individuare batt…

[caption id="attachment_…

Le cellule responsabili della ma…

[caption id="attachme…

Ansia e sedentarietà: due stati …

La sedentarietà non fa so…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La risposta dell’insulina e la sua curva nelle 24 ore

Vivere contro l’orologio e’ seriamente dannoso per la salute.insulina Le persone che combattono contro il tempo, dormendo poche ore o mangiando nei momenti piu’ inopportuni e senza una regola precisa, subiscono rischi maggiori di ammalarsi. A lanciare l’allarme e’ un nuovo studio della Vanderbilt University che ha, in particolare, indagato il rapporto tra l’orario in cui si mangia e l’insorgenza di patologie come obesita’ e diabete. La ricerca ‘Circadian disruption leads to insulin resistance and obesity’ e’ stata pubblicata sulla rivista Current Biology.


L’indagine ha dimostrato nei modelli murini che l’azione dell’insulina sale e crolla sulla base del ritmo circadiano, creando una variazione notevole delle soglie metaboliche durante le 24 ore quotidiane. In particolare, i topi incapaci di gestire con costanza e regolatezza il tempo sono quelli che sviluppano maggiori problemi di diabete e obesita’. La ricerca dimostra che non e’ importante solo quanto si mangia ma anche quando: i topi incapaci di “tenere il tempo” sono quelli risultati piu’ inclini ad accumulare peso. Secondo la ricerca, le risposte del corpo all’insulina variano durante la giornata, un elemento che dovrebbe essere preso in considerazione nei regimi alimentari dietetici. .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi