Artrite reumatoide: dolore croni…

Rinunciare alla maternita…

Magnesio contro il declino cogni…

Mentre una carenza di mag…

Arto rotto: il cervello inizia s…

Braccio destro ingessato …

Campagna invito donazione cordon…

Ancora 48 mila unità di s…

Le statine, e l'azione inibente …

Le statine ipocolesterole…

L'appetito regolato dalle cellul…

Producendo una particolar…

Un inaspettato doppio controllo …

[caption id="attachment_7…

Tè verde contro tumori della pel…

Da un estratto di tè verd…

"Faccia da Toast" - Un laborator…

26 settembre 2014 ore 13,…

Neurofibromatosi: passi avanti n…

Un team di ricercatori pr…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Respinta la legge 40 dalla Corte di Strasburgo: adesso va adeguata alla Carta Europea dei diritti dell’Uomo

Respinto, dalla Corte europea dei diritti umani il ricorso del governo italiano contro la sentenza dello scorso agosto che aveva bocciato la legge 40 sulla fecondazione assistita. fecondazioneA renderlo noto Filomena Gallo dell’associazione Luca Coscioni e Nicolo’ Paoletti, difensore della coppia Costa Pavan da cui era partito il ricorso, secondo i quali ora ”la legge 40 dovra’ essere adeguata alla Carta europea dei diritti dell’Uomo, come previsto dalla sentenza della stessa Corte lo scorso 28 agosto, prevedendo l’accesso alle tecniche di fecondazione medicalmente assistita anche per le coppie fertili portatrici di patologie trasmissibili ai figli”. ”Il rigetto della difesa del Governo della legge 40 – sottolineano – conferma l’orientamento delle Corti Internazionali che avevano gia’ condannato l’Italia con decisione all’unanimita’ e della Corte inter americana dei diritti dell’uomo che lo scorso dicembre ha stabilito che l’accesso alla fecondazione assistita rientra tra i diritti umani meritevoli di tutela.


Attualmente solo le coppie infertili hanno accesso a trattamenti di Procreazione medicalmente assistita e possono chiedere di conoscere lo stato di salute dell’embrione; oggi anche a tante coppie fertili sara’ possibile accedere a queste tecniche e non trasmettere gravi malattie di cui esse sono portatrici. Oggi e’ stata eliminata una dolorosa discriminazione nell’accesso alle cure. Oggi ancor piu’ il futuro Parlamento non potra’ piu’ ignorare i diritti di tante persone e cancellare la legge 40”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!