A PARUZZARO L’OPEN DAY “SALUTE D…

Il 22 ottobre screening g…

Anemia: gene essenziale in caren…

- Un team di ricercatori …

La prima volta che il DNA sintet…

Ci sono riusciti i ricerc…

Senescenza cellulare: non rappre…

Le cellule tumorali, inse…

Piastrine: studio CNR dimostra c…

Personalizzare i valori d…

Cellule in laboratorio: nuova te…

Coltivare in laboratorio …

Osservatorio oncogeriatrico: per…

La vecchiaia inizia a 70 …

Chemioterapia: esperti pronostic…

La chemioterapia sara' de…

AIDS: Laboratorio virtuale per a…

[caption id="attachment_…

Idrocolonterapia: messi in dubbi…

L'idrocolonterapia, metod…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Conferenza Stato-Regioni per promozione ed attuazione accordi di collaborazione per l’esportazione di prodotti plasmaderivati a fini umanitari

Senza-titolo-1

La Conferenza Stato-Regioni approva lo Schema di Accordo tra Governo, Regioni e Province Autonome di Trento e Bolzano per la promozione ed attuazione di accordi di collaborazione per l’esportazione di prodotti plasmaderivati a fini umanitari

La soddisfazione di AVIS, CRI, FIDAS, FRATRES, FEDEMO, FONDAZIONE PARACELSO, AICE e SIMTI: “Accordo di portata storica

Roma, 12 febbraio 2013. “Una decisione di portata storica, che mette l’Italia in primo piano nell’assistenza alla salute delle popolazioni svantaggiate ed evidenzia la grande capacità della rete dei professionisti e del volontariato che operano nel settore trasfusionale e nella cura dell’emofilia del nostro Paese”: così AVIS, CRI, FIDAS, FRATRES, FEDEMO, FONDAZIONE PARACELSO, AICE e SIMTI commentano la scelta della Conferenza Stato-Regioni che ha approvato lo Schema di Accordo tra Governo, Regioni e Province Autonome di Trento e Bolzano per la promozione ed attuazione di accordi di collaborazione per l’esportazione di prodotti plasmaderivati a fini umanitari.


In base a questo accordo, dichiarano soddisfatte in una nota congiunta le associazioni e federazioni di donatori volontari AVIS, CRI, FIDAS e FRATRES (oltre un milione e 700 mila i donatori volontari), i professionisti del settore rappresentati da SIMTI e AICE ed i pazienti emofilici di FEDEMO e FONDAZIONE PARACELSO, vengono di fatto messi a disposizione – tramite il supporto del Ministero degli Affari Esteri, della Difesa oltre a quello della Salute – dei popoli dei Paesi che ne hanno necessità, quali ad esempio Afghanistan, Egitto, India e America Latina, gli emoderivati eccedenti il fabbisogno nazionale per la tutela della salute degli ammalati che vivono in aree particolarmente svantaggiate. Un risultato che, per AVIS, CRI, FIDAS, FRATRES, FEDEMO, FONDAZIONE PARACELSO, AICE e SIMTI, ha il sapore di una grande conquista, poiché, spiegano, l’accordo consente per la prima volta un utilizzo razionale ed etico di tale risorsa ed ha il grande merito di valorizzare l’aspetto volontaristico e anonimo della donazioni, oltre a sottolineare l’impegno quotidiano dei professionisti e della rete trasfusionale del nostro Paese.

 

Associazione Volontari Italiani Sangue (AVIS)

Croce Rossa Italiana (CRI)

Federazione Italiana Associazioni Donatori di Sangue (FIDAS)

Consociazione Nazionale dei Gruppi Donatori di Sangue FRATRES

Federazione delle Associazioni Emofilici (FedEmo)

Fondazione Paracelso

Associazione Italiana Centri Emofilia (AICE)

Società Italiana di Medicina Trasfusionale ed Immunoematologia (SIMTI)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: