Non solo più botox e filler: sar…

Non piu' solo botox e fil…

Trapianto capelli: nuova tecnica…

Nuove frontiere per comba…

Giuseppe Mele, presidente della …

I genitori di oggi guarda…

Virus influenzali: il cane potre…

Il migliore amico dell'uo…

Ricercatori fanno luce sulle imp…

[caption id="attachment_7…

Linfociti esausti tengono a bada…

Due distinti sottoinsiemi…

L’FDA approva un nuovo farmaco b…

La Food and Drug Administ…

Artrite reumatoide: per 9 person…

Per il 93% dei pazienti c…

Sindrome da delezione cromosoma …

C'e' una predominanza…

Malaria: isolata la proteina chi…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Scoperto un enzima che fa ringiovanire la pelle

Il ‘famoso’ coenzima Q10, presente nelle creme di bellezza antieta’, ha un ‘produttore naturale’ all’interno del corpo. coenzima_q10Lo ha scoperto uno studio coordinato da Massimo Santoro del del Centro di Biotecnologie molecolari dell’Universita’ di Torino pubblicato dalla rivista Cell, che potrebbe servire in futuro per farmaci che riducono l’invecchiamento cellulare. La ricerca, parzialmente finanziata da Telethon, era rivolta in realta’ allo studio di una rara forma di cecita’ genetica in cui c’e’ un accumulo di lipidi nel cristallino dell’occhio.


Grazie a studi di biologia cellulare e molecolare, i ricercatori piemontesi sono riusciti a dimostrare come fisiologicamente il gene chiamato Ubiad 1, quello ‘difettoso’ nei malati di distrofia del cristallino di Schneyder, contenga le informazioni per un enzima deputato alla sintesi del coenzima Q10: “L’unico enzima noto fino ad oggi come responsabile della produzione del coenzima Q10 si trova sui mitocondri, le centrali energetiche delle nostre cellule, ed e’ essenzialmente chiamato in causa nel corso delle attivita’ metaboliche della cellula – spiega il ricercatore – Il nuovo enzima che abbiamo scoperto si trova invece in un altro comparto, l’apparato del Golgi, e sembra avere un ruolo nella protezione dei tessuti dallo stress ossidativo, ovvero dai radicali liberi prodotti dal metabolismo dell’ossigeno”

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!