Risultati aggiornati di Fase III…

· darucizumab ha inattiva…

Le lesioni parziali del midollo:…

Imparare a controllare i …

Stipsi cronica: una malattia che…

Presentati a Milano i r…

Gel a DNA che simula i muscoli

Alcuni ricercatori americ…

Varianti genetiche definiscono l…

[caption id="attachment_6…

Merck Serono S.p.A. destina 1,2 …

·       L’investimento te…

Malattie rare mitocondriali: arr…

Sviluppata dal Centro per…

Arterie: scoperto un gene implic…

Gli scienziati del Sa…

Cancro colon: nuovo test esegue …

Un nuovo e non invasivo …

Proteine: il percorso che le por…

Identificato un percorso…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Autismo: stimolazione cerebrale potrebbe migliorare i sintomi

La stimolazione cerebrale profonda ha migliorato i severi sintomi autistici di un bambino.autismo Il trattamento che si basa su elettrodi impiantati profondamente nel cervello gli ha permesso finora di vivere una vita piu’ normale. Come si legge sulla rivista Frontiers in Human Neuroscience, questa terapia ha indotto il bambini a parlare, dicendo alcune parole. Lo studio della Ohio State University Wexner Medical Center di Columbus e’ il primo che descrive i risultati dell’uso della stimolazione cerebrale nell’alleviare i sintomi dell’autismo.


Il bambino, che aveva 13 anni all’epoca di questo intervento sperimentale, soffriva di severi sintomi autistici, era incapace di parlare e di avere contatto visivo, si svegliava urlando spesso durante la notte e aveva tendenze autolesionistiche. I dottori sono riusciti a stimolare una parte dell’amigdala e la terapia ha migliorato i sintomi del bambino. La stimolazione di altre parti del cervello non aveva alcun effetto o peggiorava i suoi sintomi. Dopo otto settimane di stimolazioni elettriche continue, il bambino e’ passato da severamente a moderatamente malato e ha avuto un miglio controllo di se’. Dopo sei mesi e’ riuscito a dire le sue prime parole. (AGI) .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi