Tubercolosi: triplo cocktail di …

Un 'triplo cocktail' di f…

La differenziazione delle cellul…

Sono alcune cascate d…

Disponibile in Italia un nuovo f…

Cologno Monzese, aprile 2…

FDA pone il suo OK sul test rapi…

La Food and drug administ…

Dita bioniche restituiscono la m…

Maria Antonia Iglesias è …

Brescia: Mosca (SIN), la prematu…

Secondo il Presidente del…

[IRCCS E. Medea] Per traumi clin…

A Pieve di Soligo sperime…

Enfisema: la predisposizione e l…

Sebbene i topi non avesse…

SLA: una proteina anomala che si…

Scoperta una proteina ano…

Conta-morsi per dimagrire: la cu…

Ideato alla Clemson Unive…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Gli oncologi riconoscono ai biosimilari un ruolo importante

assogenerici

Significativi e positivi i risultati dell’indagine condotta dall’AIOM tra i suoi associati. “I risultati sono uno stimolo a far crescere un’informazione corretta e indipendente, che metta il clinico nelle migliori condizioni possibili per operare una scelta” dice Francesco Colantuoni, Vicepresidente AssoGenerici 

Roma, 14 marzo 2013 – “E’ un fatto molto positivo che l’AIOM abbia condotto tra i suoi iscritti un’indagine conoscitiva sul tema dei biosimilari” dice Francesco Colantuoni, Vicepresidente di AssoGenerici. “E al di là della questione di metodo, credo sia molto positivo che oltre la metà dei clinici intervistati giudichi i biosimilari un’importante occasione di buon uso delle risorse in un settore delicato come l’oncologia: è un riconoscimento del valore di questi farmaci e dell’impegno in fatto di sicurezza e qualità dimostrato dalle aziende del settore”.


Rimane ancora una scarsa informazione riguardo ad alcuni aspetti, ad avviso di Colantuoni, “ma questo deve servire da stimolo a operare perché si produca sul tema dei biosimilari un’informazione indipendente, completa e rigorosa. Se, come è ovvio, spetta all’oncologo decidere tra biosimilare e farmaco originatore, è fondamentale che gli siano forniti tutti gli strumenti necessari a una scelta ponderata. Le leggi ci sono, e per una volta l’Europa si è dotata di norme adeguate anche prima degli Stati Uniti; quello che serve è garantire la circolazione delle conoscenze, in oncologia come nelle altre aree specialistiche in cui i farmaci biotecnologici sono ormai la punta di lancia delle terapie”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi