Mastoplastica per fini estetici:…

[caption id="attachment_8…

L'EMEA approva il sildenafil (so…

[caption id="attachment_5…

L’Azienda Ospedaliera San Camill…

Roma, 9 settembre 2010 – …

Cancro al cervello nei bambini: …

Ricercatori dell'Accademi…

[Cordis] Discriminazioni di eta'…

[caption id="attachment_6…

HIV: vaccino testato su scimmie …

Ricercatori della Oregon …

Il farmaco sperimentale faldapre…

Boehringer Ingelheim annu…

Cancro ai testicoli: scoperto in…

Scoperto un interrut…

Infiammazione organica nei primi…

Un’infiammazione organica…

Dipendenza da eroina e oppiacei:…

Una sola iniezione al mes…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Schizofrenia: scoperto altro gene legato ad alcune forme

Le drammatiche e notevoli differenze che si rilevano tra i pazienti ammalati di schizofrenia potrebbero dipendere dalle attivita’ di un singolo gene determinante per il regolamento di molti altri geni ritenuti correlati al rischio di sviluppare la patologia psichiatrica.schizofrenia
La scoperta arriva da un nuovo studio del Centre for Addiction and Mental Health pubblicato sulla rivista ‘Molecular Psychiatry’. La ricerca ha rilevato che le persone schizofreniche che posseggono una particolare versione del gene microRNA-137 (MIR137) tendono a subire un percorso specifico della malattia. In presenza della variante del MIR137, la schizofrenia si sviluppa prima ed e’ correlata a determinate caratteristiche cerebrali, come l’ippocampo – associato alla memoria – piu’ piccolo e i ventricoli laterali piu’ grandi.


I trattamenti della schizofrenia sono particolarmente complessi perche’ la malattia varia molto da persona a persona. Alcuni individui reagiscono bene alle terapie, altri restano ricoverati negli ospedali per anni senza benefici rilevanti.
“Il nostro studio e’ interessante perche’ ci ha fornito una parziale spiegazione di molte delle differenze che si riscontrano tra gli schizofrenici”, ha spiegato Aristotle Voineskos, tra gli autori della ricerca. “In futuro saremo in grado di utilizzare questo gene per formulare prognosi piu’ efficaci e prevedere le risposte di un paziente a un dato trattamento”, ha concluso.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi