Tumore al seno: secondo Veronesi…

''Siamo in una fase inter…

Aspirina: previene in qualche fo…

L'aspirina puo' abba…

Aggiornamento Piano di Vaccinazi…

Oltre un terzo dei di…

Mylan supporta il progetto dell'…

Milano, 18 Dicembre 2012 …

Melanoma: nuovo test per la diag…

Da uno studio italian…

Parkinson: ricercatori studiano …

Uno studio finanziato dal…

HIV: lo studio completo della "n…

Ricostruita in dettaglio …

Parodontite: spesso il laser è i…

Laser a diodi e una spec…

27 febbraio: all’Istituto San Ca…

Busto Arsizio (VA), febbr…

Conferma dallo studio tides-acs …

Barcellona, 30 agosto 201…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Schizofrenia: scoperto altro gene legato ad alcune forme

Le drammatiche e notevoli differenze che si rilevano tra i pazienti ammalati di schizofrenia potrebbero dipendere dalle attivita’ di un singolo gene determinante per il regolamento di molti altri geni ritenuti correlati al rischio di sviluppare la patologia psichiatrica.schizofrenia
La scoperta arriva da un nuovo studio del Centre for Addiction and Mental Health pubblicato sulla rivista ‘Molecular Psychiatry’. La ricerca ha rilevato che le persone schizofreniche che posseggono una particolare versione del gene microRNA-137 (MIR137) tendono a subire un percorso specifico della malattia. In presenza della variante del MIR137, la schizofrenia si sviluppa prima ed e’ correlata a determinate caratteristiche cerebrali, come l’ippocampo – associato alla memoria – piu’ piccolo e i ventricoli laterali piu’ grandi.


I trattamenti della schizofrenia sono particolarmente complessi perche’ la malattia varia molto da persona a persona. Alcuni individui reagiscono bene alle terapie, altri restano ricoverati negli ospedali per anni senza benefici rilevanti.
“Il nostro studio e’ interessante perche’ ci ha fornito una parziale spiegazione di molte delle differenze che si riscontrano tra gli schizofrenici”, ha spiegato Aristotle Voineskos, tra gli autori della ricerca. “In futuro saremo in grado di utilizzare questo gene per formulare prognosi piu’ efficaci e prevedere le risposte di un paziente a un dato trattamento”, ha concluso.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x