HIV: nuovi parametri sull'inizio…

[caption id="attachment_5…

La dichiarazione integrale del C…

[caption id="attachme…

Le infezioni della cavità orale …

Contro le infezioni da li…

Tumori: provocati uno su 40 da e…

In almeno un caso su 40 i…

Il nuovo sito del Ministero dell…

E' on line il nuovo …

Infarto: l'ottimismo è alla base…

Buonumore arma migliore p…

Pressione arteriosa: per la misu…

Un nuovo strumento po…

Alzheimer: basso rischio di tumo…

Il rischio di avere un …

La settimana Mondiale del Cervel…

“Neurologia e donna” uno …

Peperoncino regolarizza pression…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Schizofrenia: scoperto altro gene legato ad alcune forme

Le drammatiche e notevoli differenze che si rilevano tra i pazienti ammalati di schizofrenia potrebbero dipendere dalle attivita’ di un singolo gene determinante per il regolamento di molti altri geni ritenuti correlati al rischio di sviluppare la patologia psichiatrica.schizofrenia
La scoperta arriva da un nuovo studio del Centre for Addiction and Mental Health pubblicato sulla rivista ‘Molecular Psychiatry’. La ricerca ha rilevato che le persone schizofreniche che posseggono una particolare versione del gene microRNA-137 (MIR137) tendono a subire un percorso specifico della malattia. In presenza della variante del MIR137, la schizofrenia si sviluppa prima ed e’ correlata a determinate caratteristiche cerebrali, come l’ippocampo – associato alla memoria – piu’ piccolo e i ventricoli laterali piu’ grandi.


I trattamenti della schizofrenia sono particolarmente complessi perche’ la malattia varia molto da persona a persona. Alcuni individui reagiscono bene alle terapie, altri restano ricoverati negli ospedali per anni senza benefici rilevanti.
“Il nostro studio e’ interessante perche’ ci ha fornito una parziale spiegazione di molte delle differenze che si riscontrano tra gli schizofrenici”, ha spiegato Aristotle Voineskos, tra gli autori della ricerca. “In futuro saremo in grado di utilizzare questo gene per formulare prognosi piu’ efficaci e prevedere le risposte di un paziente a un dato trattamento”, ha concluso.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!