La differenziazione delle cellul…

Sono alcune cascate d…

Guarire dall'AIDS: "Il paziente …

Lo chiamano il "paziente …

A volte ritornano: tra il 9 e il…

Roma, lunedì 13 ottobre…

'Il Pillolo', contraccettivo mas…

Dopo anni di sperimentazi…

Il futuro del pancreas artificia…

-          Presentati i r…

La Tossina anti cancro adesso a …

Il tam tam si è già diffu…

Telethon: possibile strada da pe…

[caption id="attachment_5…

I dati dello studio CLL10 presen…

New Orleans, USA, 10 dice…

Cure oncologiche e palliative va…

La Società europea di onc…

Carcinoma polmonare: Afatinib tr…

Afatinib (BIBW 2992*), in…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

TEVA presenta nuove ricerche sui farmaci per il trattamento delle malattie del sistema nervoso centrale (CNS) al congresso americano di Neurologia del 2013

teva-logoInserita nel programma scientifico una presentazione orale late-breaking per Azilect (compresse a base di rasagilina)

GERUSALEMME, 19 marzo 2013 – Teva Pharmaceutical Industries Ltd. (NYSE: TEVA) annuncia oggi la presentazione – nel corso del 65esimo Congresso Americano di Neurologia (AAN) (che si sta tenendo in questi giorni , dal 16 al 23 marzo a San Diego, California) – di 15 abstract che mettono in evidenza i risultati di alcuni studi sullamalattia di Parkinson (PD) e sulla Sclerosi multipla recidivante-remittente (RRMS). Mercoledì 20 marzo, durante la sessione congressuale dedicata alle Emerging science (in precedenza conosciuta come Late-Breaking Science), saranno presentate nuove evidenze per AZILECT® (compresse a base di rasagilina), un inibitore delle MAO-B per il trattamento del Parkinson, .

“Siamo soddisfatti per la varietà dei temi e per la qualità dei risultati delle ricerche che saranno presentati quest’anno all’ANN” ha commentato Michael Hayden, president, Global Research and Development, Chief Scientific Officer di Teva Pharmaceutical Industries Ltd. “L’eredità di Teva per il CNS fonda le sue radici sulla nostra continua collaborazione con il mondo accademico, le istituzioni mediche e le associazioni dei pazienti. Una collaborazione volta a trovare soluzioni innovative per i malati che vivono con malattie croniche e debilitanti, quali, appunto, la RRMS e il Parkinson. Continueremo a investire per ampliare la conoscenza dei nostri prodotti, e per capire come questi possano rispondere al meglio alle diverse esigenze dei pazienti a cui ci rivolgiamo.”

 

Nel corso della presentazione saranno illustrati:

  • I risultati di uno studio clinico di Fase IV con AZILECT® come terapia aggiuntiva agli agonisti dopaminergici nel trattamento della malattia di Parkinson (StudioANDANTE).
  • I risultati, dopo un primo anno difollow-up, nello studio per l’ottimizzazione terapeutica nel campo della Sclerosi multipla (TOP MS). Si tratta del più grande trial prospettico di fase IV condotto nel campo della RRMS: fornisce informazioni rilevanti sull’impatto dell’aderenza alla terapia e dimostra come i pazienti trattati con COPAXONE® (glatiramer acetato) proseguano nel trattamento più a lungo di quelli a cui viene somministrato l’interferone beta (IFN)
  • risultati dello studio ALLEGRO, di fase III, nella  RRMS, della durata di 36 mesi, in cui vengono messe a confronto la progressione della malattia e la sicurezza nei soggetti trattati con laquinimod per tre anni (Early-Start) e, nei soggetti trattati con placebo nella fase in doppio-cieco (DB), e successivamente trattati con Laquinimod (Delayed Start), nella fase in aperto dello studio ALLEGRO

 

Dettagli della presentazione e dei poster:

AZILECT ®

  • [Emerging Science Platform Session – 006] A placebo controlled, randomized, double-blind study to assess the safety and clinical benefit of rasagiline as an add-on therapy to dopamine agonist monotherapy in early Parkinson’s disease (PD): The ANDANTE study [Mercoledì 20 marzo 2013] Robert A. Hauser, MD, MBA; Dee Silver, MD, Azhar Choudhry, MD, MBA, Stuart Isaacson MD
  •  [P02.082] Novel Exploratory Study To Examine the Effect of Rasagiline on Tissue Injury in the Substantia Nigra Using Multi-Modal 3T Advanced MRI Techniques in Patients with Parkinson’s Disease [Session P02, martedì 19 marzo 2013] Edwin George, Detroit, MI, Shana Krstevska, Detroit, MI, Fen Bao, Detroit, MI, Veronica Gorden, Detroit, MI, Carla Santiago Martinez, Detroit, MI, Natalya Shneyder, Detroit, MI, Christina Caon, Detroit, MI, Omar Khan, Detroit, MI

 

COPAXONE ®

  • [P01.193] MS Therapy Adherence and Relapse Risk [Session P06, lunedì 18 marzo 2013] Bruce Cohen, Chicago, IL, Thomas Leist, Philadelphia, PA, Patricia Coyle, Stony Brook, NY, Howard Zwibel, Coral Gables, FL, Clyde Markowitz, Philadelphia, PA, Mark Tullman, Saint Louis, MO
  • [P03.200] MS Therapy Persistence and Treatment Patterns [Session P03, martedì 19 marzo 2013] Clyde Markowitz, Philadelphia, PA, Patricia Coyle, Stony Brook, NY, Thomas Leist, Philadelphia, PA, Bruce Cohen, Chicago, IL, Howard Zwibel, Coral Gables, FL, Mark Tullman, Saint Louis, MO

 

Laquinimod

  • [S41.004] Comparison of Early and Delayed Oral Laquinimod in Patients with Relapsing-Remitting Multiple Sclerosis: Effects on Disability Progression at 36 months in the ALLEGRO Trial [Session S41, martedì 21 marzo 2013] Giancarlo Comi, MD, Department of Neurology and Institute of Experimental Neurology Università et al.
  • [P05.197] Therapeutic Laquinimod Treatment Restores Axon Myelination, Callosal Conduction and Motor Deficit in a Chronic Mouse Model of Multiple Sclerosis [Session P05, mercoledì 20 marzo 2013] Spencer Moore, Los Angeles, CA, Gemmy Hannsun, Los Angeles, CA, Jane Yoon, Los Angeles, CA, Rhusheet Patel, Los Angeles, Timothy Yoo, Los Angeles, CA, Anna Khalaj, Los Angeles, CA, Seema Tiwari-Woodruff, Los Angeles, CA.
  • [P06.126] Laquinimod Treatment Reverses Cortical and Hippocampus Pathology Due to Inflammatory Demyelination in a Chronic Mouse Model of Multiple Sclerosis [Session P06, giovedì 21 marzo 2013] Anna Khalaj, Duc Nguyen, Juspreet Nakai, JaeHee Yoon, Taryn McLaughlin, Daniel Ichwan, and Seema Tiwari-Woodruff Department of Neurology, UCLA School of Medicine, Los Angeles, USA

 

 

AZILECT®

AZILECT® (compresse a base di rasagilina) è indicato per il trattamento del morbo di Parkinson (PD) sia in monoterapia nella fase iniziale, sia in associazione a levodopa nella fase più avanzata della malattia.

I pazienti, per evitare reazioni severe, non devono assumere AZILECT® in associazione con meperidina, tramadolo, metadone, propoxifene, destrometorfano, erba di S.Giovanni, ciclobenzaprina o altri inibitori della monoamino ossidasi (MAOIs).

Si raccomanda ai pazienti di informare il proprio medico curante qualora assumano, o vogliano assumere, qualsiasi farmaco sia con obbligo di prescrizione, sia da banco, con particolare attenzione verso gli antidepressivi e la ciprofloxacina

I soggetti con disturbiepatici, di lieve o seria entità, non possono assumere AZILECT®. I pazienti non devono ingerire più di 1 mg al giorno di AZILECT® per evitare un possibile pericoloso aumento della pressione arteriosa.

Effetti collaterali riscontrati nei pazienti trattati con il solo AZILECT® sono: influenza, dolore articolare, depressione e difficoltà digestive; nei pazienti trattati anche con  levodopa si sono verificati episodi di movimento incontrollato (discinesia), lesioni accidentali, perdita di peso, pressione arteriosa bassa in posizione eretta, vomito, anoressia, dolore articolare, dolore addominale, nausea, costipazione, secchezza delle fauci, rash, sogni anomali e cadute.

Ulteriori informazioni importanti:

http://www.azilect.com/Resources/PDFs/PrescribingInformation-pdf.aspx .

Per copie cartacee consultare le informazioni di prescrizione complete contenute nel prodottoAZILECT® è al momento disponibile in più di 40 paesi in tutto il mondo, inclusi U.S., Canada, Israele, Messico e tutti i paesi europei. Teva ha un accordo a lungo termine con H. Lundbeck A/S. in Europa e qualche altro mercato per lo sviluppo e il marketing di AZILECT®. Nel Nord America, AZILECT® è commercializzato interamente da Teva Neuroscience, Inc (www.tevaneuro.com), una società interamente controllata da Teva.

 

COPAXONE®

È indicato nella riduzione della frequenza delle esacerbazioni in soggetti affetti da sclerosi multipla recidivante-remittente, inclusi i soggetti che abbiano manifestato un primo episodio clinico e abbiano  evidenze alla risonanza magnetica, compatibili con una diagnosi di sclerosi multipla.

Gli effetti indesiderati più comuni di COPAXONE® sono: arrossamento, dolore, gonfiore, prurito o reazione cutanea nella sede dell’iniezione, vampate, eruzioni cutanee, riduzione del respiro e dolore al petto.

Ulteriori informazioni importanti:

http://www.sharedsolutions.com/redirect/PrescribingInformation.pdf.

Copaxone® (glatiramer acetato) è attualmente in commercio in oltre 50 paesi in tutto il mondo, compresi Stati Uniti, Russia, Canada, Messico, Australia, Israele e tutti i Paesi uropei.

 

LAQUINIMOD

Laquinimod è un immunomodulante orale studiato per il trattamento della SM, da assumere una volta al giorno; agisce a livello del sistema nervoso centrale, con meccanismo d’azione innovativo . Nei modelli animali laquinimod supera la barriera ematoencefalica con conseguente effetto potenziale diretto sull’infiammazionee sulla neurodegenerazionedel sistema nervoso centrale.

Lo sviluppo clinico per la valutazione di laquinimod orale nella SM comprende due studi di fase III denominati ALLEGRO e BRAVO.

Un terzo studio di fase III su laquinimod, CONCERTO, valuterà gli effetti di due dosi del farmaco in sperimentazione (0.6mg e 1.2mg) su un campione composto da circa 1.800 pazienti per un periodo di 24 mesi.

Outcome principale di valutazione sarà la conferma della progressione della malattia,  misurata attraverso l’ Expanded Disability Status Scale (EDSS).

Oltre agli studi clinici nella Sclerosi Multipla, laquinimod è attualmente oggetto di studi di fase II

nel morbo di Crohn e nel Lupus.,

 

Teva

Teva Pharmaceutical Industries Ltd. (NYSE: TEVA) è una delle principali aziende farmaceutiche mondiali. È impegnata nell’accrescere l’accesso a un’assistenza sanitaria di qualità attraverso lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di farmaci generici a prezzi accessibili, così come di farmaci innovativi e di specialità e ingredienti farmaceutici attivi. Con sede in Israele, Teva è il più grande produttore di farmaci equivalenti al mondo, con un portfolio prodotti globale di oltre 1.000 molecole e una presenza diretta in circa 60 Paesi. Per quanto riguarda i farmaci innovativi, Teva concentra la sua attività di sviluppo nell’area delle malattie neurologiche, del dolore, delle malattie quelle oncologiche, respiratorie e della salute della donna, oltre che nel settore dei farmaci biotecnologici e biosimilari. Teva impiega circa 46.000 persone in tutto il mondo e ha registrato 20,3 mili ardi di dollari in ricavi netti nel 2012.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!