Merck Serono completa l'arruolam…

Merck Serono completa l…

Cocaina: potrebbe essere una pre…

I risultati dello studio …

Tumore al seno: anche prima dei …

Una nuova analisi condott…

Vitiligine: efficace l'autotrapi…

[caption id="attachment_6…

Fu il plancton a contribuire sos…

Il plancton fornì un cont…

Fibromialgia: terapia psicologic…

Un intervento psicologico…

Ecolocalizzazione: potremmo vede…

[caption id="attachment_1…

Journal of Clinical Oncology: l’…

La pubblicazione, su un…

AiDS: un farmaco anti-rigetto st…

Una nuova ricerca pubblic…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Calcio nelle arterie: aumenta il rischio di infarto


Dietro agli attacchi cardiaci e le malattie cardiovascolari può esserci un accumulo di calcio nelle arterie. E’ importante tenere sott’occhio i livelli di questo minerale per ridurre il rischio che può essere di ben 6 volte maggiore

Malattie cardiache, cardiovascolari e conseguenti infarti, ictus e così via sono tra le maggiori cause di morte o invalidità nel mondo occidentale.
Nonostante da più parti si faccia appello alla prevenzione quale migliore mezzo per evitare di esserne vittima, sono ancora troppe le persone che ogni giorno cadono vittime di un infarto o ictus.calcio_arterie

Tra i diversi modi per prevenire queste patologie, oltre a uno stile di vita più sano e un altrettanto sana dieta, secondo gli scienziati statunitensi c’è anche il tenere d’occhio i livelli di calcio nelle arterie. Elevate concentrazioni di questo minerale, infatti, aumenterebbero di ben 6 volte il rischio di attacco di cuore e malattie coronariche.

Lo studio, pubblicato sul Journal of American College of Cardiology, è stato condotto presso il Los Angeles Biomedical Research Institute (LA BioMed) in collaborazione con altri cinque siti, e suggerisce come un monitoraggio più frequente dei pazienti con accumuli di calcio nelle arterie coronarie potrebbe aiutare a determinare il rischio di attacchi di cuore. Questo tipo di analisi diviene fondamentale, perché conoscere per tempo i livelli di concentrazione di calcio nelle arterie può offrire ai pazienti tempo prezioso per apportare modifiche al proprio stile di vita e ridurre il rischio.

I ricercatori hanno valutato il rischio cardiovascolare di 6.778 ambosessi di età compresa tra i 45 e gli 84 anni che facevano parte del Multi-Ethnic Study of Atherosclerosis (MESA). Tutti i partecipanti non avevano avuto storia di malattia coronarica prima di iscriversi al MESA.

Le analisi dei dati e degli esami ha permesso ai ricercatori di stabilire che quasi la metà dei partecipanti presentava accumuli di calcio nelle arterie fin dall’inizio dello studio. La maggior parte di questi soggetti ha poi continuato ad accumulare il calcio durante il periodo di studio: i livelli sono stati misurati circa 2,5 anni dopo gli esami iniziali eseguiti per mezzo di Tomografia Computerizzata (TC).

La revisione finale dei dati ha mostrato che coloro che presentavano un accumulo di calcio in 330 o più unità avevano un aumento del rischio di malattia coronarica o evento cardiaco di 6 volte maggiore, rispetto a coloro i cui livelli di calcio erano nella norma o più bassi. Il rischio, infine, permaneva indipendentemente da altri fattori di rischio.

«Sapevamo che il calcio dell’arteria coronaria può essere correlato alla malattia di cuore – spiega il dottor Matthew Budoff, autore principale dello studio – ma questo studio mostra che la progressione dell’accumulo del calcio nelle arterie può essere un fattore significativo nel valutare il rischio che un paziente possa essere vittima di un infarto in futuro».

«Conducendo scansioni seriali con la TC – aggiunge Budoff – potremmo essere in grado di identificare le persone ad alto rischio di un attacco di cuore e di intervenire per evitare questi attacchi attraverso nuove terapie, cambiamenti dello stile di vita e altre modifiche. Ulteriori studi sono necessari per determinare se scansioni TC più frequenti possano essere un approccio conveniente per ridurre le malattie cardiache e coronariche: la causa numero uno di morte per uomini e donne negli Stati Uniti».

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!