Aviaria killer in Cina:

Anche una donna in fin di…

L'epilessia non è una malattia p…

35° Congresso LICE – Lega…

TEVA annuncia la decisione della…

TEVA ANNUNCIA LA DECISION…

Sindrome di Rett: una cura a bas…

Si aprono nuovi possibili…

Ricercatori valutano l'impatto d…

[caption id="attachment_1…

Prende il via il progetto di ric…

Prende il via il Progetto…

E-CIG: esperto su Nature, regola…

"Consentire l'uso della s…

Superbatterio in GB: è allarme c…

Il pericolo corre sul bu…

Reflusso gastroesofageo: dei mag…

Le persone che soffrono d…

Proteina anti-fame per curare l'…

Trovata un nuova via per …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cervello: un farmaco in grado di prevenire invecchiamento cerebrale


I ricercatori del Massachusetts Institute of Technology hanno scoperto un modo per riprodurre il benefico effetto della restrizione calorica sull’invecchiamento del cervello mediante un farmaco. Si sa che una riduzione drastica di oltre il 40 per cento di calorie, nella propria alimentazione potrebbe rallentare l’invecchiamento delle cellule cerebrali. Nel nuovo studio, gli scienziati hanno esplorato il processo secondo cui il taglio delle calorie influiva sulle cellule del cervello di alcuni topolini.brain-cells_4 La riduzione calorica del 30 per cento aumentava i livelli di un enzima che ritardava la perdita dei neuroni che accompagna il declino senile. Nutrendo i topi in modo normale e fornendo loro un farmaco che riproducesse questo processo, gli scienziati sono riusciti a ottenere un miglior funzionamento delle cellule del cervello e migliori risultati nei test cognitivi, rispetto ai topi sottoposti a restrizioni caloriche.
Come si legge sul ‘Journal of Neuroscience’, e’ la prima dimostrazione di una molecola sintetica che riproduce i benefici cerebrali della restrizione calorica.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x