Solving mouse genome dilemma

Laboratory research h…

Al via l’iniziativa “Intollerant…

ALL IN - Associazione A…

Progressi nella cura della scler…

[caption id="attachme…

Diabete di tipo 2, la dieta medi…

I pazienti piu' anziani …

Tumore alla prostata: cinque sed…

Cinque sedute di radioter…

Personalizzazione della Terapia …

Personalizzazione della…

Succo di patata contro ulcere ga…

l sapore, forse, non sarà…

Alzheimer: un biomarker per tera…

Sui nuovi criteri diagnos…

Sindrome da rene policistico: Te…

Un meccanismo biologi…

Tumore al seno: un test genomico…

La diagnosi, già in uso i…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cervello: un farmaco in grado di prevenire invecchiamento cerebrale


I ricercatori del Massachusetts Institute of Technology hanno scoperto un modo per riprodurre il benefico effetto della restrizione calorica sull’invecchiamento del cervello mediante un farmaco. Si sa che una riduzione drastica di oltre il 40 per cento di calorie, nella propria alimentazione potrebbe rallentare l’invecchiamento delle cellule cerebrali. Nel nuovo studio, gli scienziati hanno esplorato il processo secondo cui il taglio delle calorie influiva sulle cellule del cervello di alcuni topolini.brain-cells_4 La riduzione calorica del 30 per cento aumentava i livelli di un enzima che ritardava la perdita dei neuroni che accompagna il declino senile. Nutrendo i topi in modo normale e fornendo loro un farmaco che riproducesse questo processo, gli scienziati sono riusciti a ottenere un miglior funzionamento delle cellule del cervello e migliori risultati nei test cognitivi, rispetto ai topi sottoposti a restrizioni caloriche.
Come si legge sul ‘Journal of Neuroscience’, e’ la prima dimostrazione di una molecola sintetica che riproduce i benefici cerebrali della restrizione calorica.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi