Malattie neurodegenerative: trat…

Una speranza per contrast…

Remunerazione delle farmacie: la…

Roma, 16 gennaio 2013 – “…

Alti livelli di vitamina D contr…

[caption id="attachment_6…

Diabete di tipo 2: nuovi studi d…

Ingelheim, Germania e Ind…

Cirrosi e ascite: metodi di diag…

Roma, 3 dic. - Mano a ma…

Diabete: terapia standard mette …

Un gruppo di ricercatori …

Morbo di Crohn: due geni alterat…

Una chiave genetica all'o…

Aborto spontaneo: individuati i …

Identificati i segnali m…

25° congresso ECTRIMS: presentat…

[caption id="attachment…

Cellule staminali contro mieloma…

I malati di mieloma multi…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Smettere di fumare non è sempre sinonimo di aumento peso


Chi l’ha detto che smettere di fumare porti inevitabilmente a ingrassare? Che dire addio alle sigarette porti a un aumento dell’appetito è cosa nota, ma a distanza di due anni dall’ultima bionda potrebbe portare a una riduzione del girovita. Lo hanno appurato tre giovani ricercatori, Davide Dragone, Francesco Manaresi e Luca Savorelli, rispettivamente dell’Università di Bologna, della Banca d’Italia e della University of St Andrews in Scozia, scoprendo che grazie alle politiche antifumo si innesca un circolo virtuoso con effetti positivi sul rischio obesità.stopping-smoking

Le sigarette fanno mangiare di più e male. “Quello che abbiamo osservato, facendo riferimento a un campione rappresentativo della popolazione statunitense nel periodo 1999-2008 – spiega Dragone – è un generale miglioramento della qualità della dieta e una riduzione del contenuto calorico del cibo consumato, con un calo nell’indice di massa corporea del 2,5 per cento, in risposta ad un aumento delle accise sulle sigarette di 10 centesimi di dollaro”. Per arrivare a questa conclusione i ricercatori italiani, vincitori di una borsa di ricerca dell’Associazione italiana di economia sanitaria finanziata dalla FarmaFactoring Foundation, hanno analizzato i dati della ricerca National Health and Nutrition Examination Surveys. Scoprendo che non solo l’aumento delle accise è stato un deterrente positivo per ridurre il consumo di tabacco negli Stati Uniti, considerati anche gli alti costi sociale per il sistema sanitario nazionale stimati in circa 117 miliardi di dollari per la lotta al fumo e 190 miliardi per l’obesità, ma anche i divieti di fumo nei locali pubblici hanno inciso sulla qualità e quantità del cibo consumati, più nei ristoranti che nei pub.

Il divieto di fumo nei ristoranti ha portato più gente ad andare a mangiare fuori, ma anche a mangiare meglio. E dunque a ridurre il peso corporeo – continua Dragone – effetti visibili, ma in misura minore rispetto al divieto nei bar, dove comunque mangi patatine fritte più che insalate”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!