Siena: trapianto di midollo per …

E' stato effettuato a Sie…

Medtronic è tra le aziende più i…

Milano, 24 febbraio 2017 …

il modello 3d del cuore che ti p…

[caption id="attachment_5…

Stress e depressione rimpiccioli…

Stress e depressione fann…

Bonus Bebè: la proposta piace ai…

Il bonus di 960 euro annu…

Fumo passivo: inquinanti nocivi …

Inquinanti nocivi fino al…

HIV: cronologia di una lunga ric…

[caption id="attachment_3…

Cellule staminali in grado di pr…

Pronte le prime cellule s…

Tumori al seno: Istituto Regina …

Una novità importante per…

Servizio farmaceutico: l’Italia …

Roma, 17 giugno 2013 - “I…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fecondazione “in vitro”: nasce in GB il primo bimbo da stimolazione di un ormone naturale


E’ nato in Inghilterra il primo bambino al mondo con fecondazione in vitro sotto stimolazione di un ormone naturale per la produzione di ovuli. L’ormone in questione e’ la kisspeptina e potrebbe dare il via ad una nuova epoca piu’ sicura per la fecondazione artificiale, in quanto sostituto naturale dei tradizionali farmaci per la fertilita’.fecondazione_invitro
Sostituzione che permetterebbe alle donne di eliminare il rischio di sindrome da iperstimolazione ovarica, condizione potenzialmente pericolosa per la vita, anche se il numero di mamme che soffrono di questa complicazione e’ relativamente piccolo. Le donne piu’ a rischio risultano quelle affette dalla sindrome dell’ovaio policistico. Lo studio e’ stato finanziato dal Medical Research Council e dal National Institute for Health Research e condotto da Waljit Dhillo dell’Imperial College London che ha spiegato al Guardian: “Abbiamo dimostrato che la kisspeptina puo’ essere efficacemente utilizzata per le pazienti sottoposte a trattamento di fecondazione in vitro per stimolare in modo piu’ naturale il rilascio di ormoni riproduttivi e generare un bambino perfettamente sano. I risultati della nostra ricerca sono molto incoraggianti e potrebbero portare all’uso della kisspeptina per un’alternativa di fecondazione in vitro piu’ salutare”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!