Diabete: varianti genetiche inci…

[caption id="attachme…

Decadimento muscolare: scoperta …

[caption id="attachment_6…

Tumore al seno: un test genomico…

La diagnosi, già in uso i…

Dal CNR: il gene chiave per lo s…

[caption id="attachme…

Cellule staminali tumorali: nuov…

[caption id="attachment_8…

Dalla Ginecologia dell’Ospedale …

Unità Operativa Complessa…

Disfunzione erettile: potrebbe n…

I medici avvertono che sp…

Uveite: che cos'è?

L'uveite è un'infiamm…

Tumori: dal c-MET alla TAC a spi…

L'obbiettivo è il solito:…

Si premia l'eccellenza della ric…

Due giovani scienziate ha…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cervello: perché nei giovani i processi di apprendimento sono più veloci


Per anni, gli scienziati hanno cercato di capire come mai da anziani fosse piu’ difficile apprendere nuove nozioni, studiando i microcircuiti del cervello che rendono l’apprendimento piu’ semplice da giovani.brain_traumas
Ora, un nuovo studio della University of California di Los Angeles ha mostrato che i neuroni inibitori giovano un ruolo critico durante i periodi di apprendimento. Lo studio e’ stato pubblicato su Nature. La teoria prevalente era che i neuroni inibitori, col tempo, diventano sempre piu’ forti fino a impedire l’apprendimento. Ora, con nuove tecniche di imaging, gli scienziati hanno osservato la loro attivita’ in risposta a vari stimoli scoprendo che durante i periodi di elevato apprendimento i neuroni inibitori non si comportavano come previsto, attivandosi molto di meno (fino alla meta’ delle volte in meno).

“Durante la giovinezza si ha bisogno di apprendere piu’ informazioni possibili, e il cervello ‘spegne’ i neuroni inibitori. Da adulti, avendo imparato gia’ molte cose, non e’ piu’ necessario memorizzare ogni nuova informazione”, ha spiegato Joshua T. Trachtenberg, fra gli autori dello studio.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x