La radiologia ai raggi X: 46° Co…

Le novità in campo scient…

Schizofrenia e creativita' condi…

[caption id="attachment_8…

Testosterone sarà la contraccezi…

[caption id="attachment_5…

Scoperta nuova molecola che bloc…

Il gruppo di Oncogenomica…

La fucina del linguaggio nel nos…

Le aree che decodificano …

Gambe senza riposo: dagli oppioi…

La “Restless Legs Syndrom…

Ipertensione e surrene: studio n…

Uno studio internazionale…

Estrogeni: possono suscitare rea…

Le donne sono piu' a risc…

Epatite C: arriva un farmaco con…

Contro l'Epatite C, la pi…

La Giornata del Sollievo arriva …

Napoli, 26 Maggio – “Il d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cervello: perché nei giovani i processi di apprendimento sono più veloci


Per anni, gli scienziati hanno cercato di capire come mai da anziani fosse piu’ difficile apprendere nuove nozioni, studiando i microcircuiti del cervello che rendono l’apprendimento piu’ semplice da giovani.brain_traumas
Ora, un nuovo studio della University of California di Los Angeles ha mostrato che i neuroni inibitori giovano un ruolo critico durante i periodi di apprendimento. Lo studio e’ stato pubblicato su Nature. La teoria prevalente era che i neuroni inibitori, col tempo, diventano sempre piu’ forti fino a impedire l’apprendimento. Ora, con nuove tecniche di imaging, gli scienziati hanno osservato la loro attivita’ in risposta a vari stimoli scoprendo che durante i periodi di elevato apprendimento i neuroni inibitori non si comportavano come previsto, attivandosi molto di meno (fino alla meta’ delle volte in meno).

“Durante la giovinezza si ha bisogno di apprendere piu’ informazioni possibili, e il cervello ‘spegne’ i neuroni inibitori. Da adulti, avendo imparato gia’ molte cose, non e’ piu’ necessario memorizzare ogni nuova informazione”, ha spiegato Joshua T. Trachtenberg, fra gli autori dello studio.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x