GE HEALTHCARE PRESENTA LE NUOVE …

La divisione medicale di …

Dai pipistrelli, oltre alla cont…

I pipistrelli possono for…

Ictus: quella passeggiata quotid…

Camminare puo' ridurre il…

Ratto robot con i baffi dà nuovo…

[caption id="attachment_1…

Il biosimilare in Italia è un’oc…

Roma, 25 giugno 2015 - “L…

Bilirubina: protegge da cancro e…

Il pigmento contenuto nel…

[AIRC] La leucemia nemica meno t…

[caption id="attachment_9…

Test italiano per predire Alzhei…

C4D, un semplice esame di…

Dolore, a Udine la campagna di f…

Dolore cronico in ortoped…

Proteina orexina, legata alla so…

La proteina orexina, che …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cervello: perché nei giovani i processi di apprendimento sono più veloci


Per anni, gli scienziati hanno cercato di capire come mai da anziani fosse piu’ difficile apprendere nuove nozioni, studiando i microcircuiti del cervello che rendono l’apprendimento piu’ semplice da giovani.brain_traumas
Ora, un nuovo studio della University of California di Los Angeles ha mostrato che i neuroni inibitori giovano un ruolo critico durante i periodi di apprendimento. Lo studio e’ stato pubblicato su Nature. La teoria prevalente era che i neuroni inibitori, col tempo, diventano sempre piu’ forti fino a impedire l’apprendimento. Ora, con nuove tecniche di imaging, gli scienziati hanno osservato la loro attivita’ in risposta a vari stimoli scoprendo che durante i periodi di elevato apprendimento i neuroni inibitori non si comportavano come previsto, attivandosi molto di meno (fino alla meta’ delle volte in meno).

“Durante la giovinezza si ha bisogno di apprendere piu’ informazioni possibili, e il cervello ‘spegne’ i neuroni inibitori. Da adulti, avendo imparato gia’ molte cose, non e’ piu’ necessario memorizzare ogni nuova informazione”, ha spiegato Joshua T. Trachtenberg, fra gli autori dello studio.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi