Cancro alla prostata: la circonc…

La circoncisione potrebbe…

Aglio invecchiato: il migliore p…

L’aglio in fase di germin…

Il vaccino quadrivalente anti-HP…

La Commissione Europea ha…

L'intelligenza umana e gli acidi…

La chiave del successo ev…

Terapia del Dolore: presentato a…

Oltre 16 mila prestazioni…

Il farmaco deve restare sul terr…

Nel corso del convegno “F…

Arriva il libro ipertensione e a…

Presentato oggi il libro …

#Covid-19: individuato gene cruc…

Individuato negli anticor…

Merck annuncia i vincitori del G…

La consegna dei premi…

Fibrosi cistica: nuova strategia…

Una recente ricerca pubbl…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete: individuato un biomarker per identificare il rischio del tipo 2


Un gruppo di ricercatori ha identificato un metabolite che potrebbe essere utile come biomarcatore per il rischio diabete. Lo studio e’ stato pubblicato sul Journal of Clinical Investigation e portato a termine da Robert Gerszten e colleghi del Massachusetts General Hospital.     Il diabete di tipo 2 e’ la forma piu’ comune di diabete ed e’ associato a molte complicazioni. Questa patologia si puo’ prevenire tramite controllo del peso e esercizio fisico: tuttavia, molte persone non sanno di essere a rischio e non correggono opportunamente il loro stile di vita. Ora gli scienziati hanno identificato il metabolite acido 2-aminoadipico (2-AAA) come biomarcatore per il rischio diabete. Gli individui con elevati livelli di 2-AAA avevano un maggior rischio di sviluppare il diabete rispetto agli altri.

Gli studiosi hanno trovato che questo metabolite era presente in individui a rischio oltre 12 anni prima della comparsa dei primi sintomi del diabete di tipo 2. Inoltre, aggiungendo il 2-AAA alle cellule di isole pancreatiche di topi e umani si rinforzava la produzione di insulina.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x