Rete neurale comune a tutti i ve…

A dispetto della vasta ga…

Batteri che resistono all'arseni…

L'analisi comparativa del…

Midollo osseo produce cellule ch…

Il motivo per cui si man…

Inquinamento domestico: un risch…

Nella polvere delle nostr…

Tessuto epatico ricreato artific…

[caption id="attachment_…

Alzheimer a tavola: si alla diet…

[caption id="attachment_3…

Le trasformazioni dei batteri in…

Le colonie di batteri ben…

Malattie cardiovascolari esasper…

[caption id="attachment_5…

Fertilità maschile messa a repen…

Alcune sostanze contamina…

Dermatologia: è allarme meteo, g…

Allarme dermatologi: gli …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Parkinson: cellule staminali del paziente per il trattamento della malattia

Molti studi effettuati sui roditori sostengono che il corpo reagisca alle staminali pluripotenti indotte con una risposta immunitaria che distrugge le cellule derivate.


Una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Stem Cell Reports e’ riuscita a confutare queste conclusioni, dimostrando che tra le scimmie queste tipologie di cellule non sono respinte dal sistema immunitario.  Dall’indagine e’ emerso che le cellule staminali pluripotenti indotte da primati non umani si trasformano con successo nei neuroni esauriti dal morbo di Parkinson.Risultati che nascondono la speranza di trapianti efficaci per l’essere umano. Le cellule staminali pluripotenti indotte sono cellule geneticamente riprogrammate ad uno stato di staminali embrionali, capaci in pratica di differenziarsi in diverse tipologie di cellule del corpo e di offrire quindi una fonte rinnovabile di cellule e tessuti per il trattamento di molti disturbi, tra cui il morbo di Parkinson, le lesioni del midollo spinale, le malattie cardiache, il diabete e l’artrite.

“Questi risultati – ha spiegato l’autore dello studio, Jun Takahashi della Kyoto University – forniscono una base logica per dare il via al trapianto autologo, almeno di cellule neurali, in contesti clinici”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi