Tumori: il blocco della riparazi…

Bloccare il meccanismo cr…

Fecondazione eterologa: Vademecu…

ROMA, 30 maggio 2014 – In…

Sindrome da deficit d'attenzione…

Dietro la Adhd, la sindro…

ASST Rhodense e farmacie in prim…

Milano, 10 gennaio 2019 –…

L’equivalente è sicuro anche da …

Le preoccupazioni emers…

L'olfatto risulta compromesso da…

[caption id="attachment_8…

Caso sorbitolo: serve la sorvegl…

Roma, 26 marzo 2012 - “Il…

Malattie cardio-metaboliche e ps…

Al 47% delle donne è stat…

Osservatorio influenza:Isolati i…

10 Marzo 2015. Alla fine …

Contro insufficienza cardiaca le…

Ieri 16 gennaio, il profe…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: da prioni di topo arrivano speranze di nuova cura

La cura del morbo di Alzheimer potrebbe essere a portata di mano: gli scienziati hanno messo a punto il primo componente chimico che ferma la degenerazione e la morte del tessuto cerebrale.


I risultati sono considerati una sorta di rivoluzione rispetto all’approccio tradizionale, che del resto aveva avuto un successo limitato e offerto nessuna prospettiva di cura.alzheimer Ancora non c’e’ il farmaco, ma gli scienziati ritengono che una volta messo a punto si potrebbero curare non solo il morbo di Alzheimer, ma anche il morbo di Parkinson, la malattia di Huntington e le altre malattie neurodegenerative. La scoperta dei ricercatori dell’universita’ di Leicester ha mostrato che si puo’ fermare la morte delle cellule del cervello da prioni nei topi.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x