Ricercatori svelano il mistero d…

[caption id="attachme…

Da cellule epiteliali a neuroni

Più vicino l'obiettivo di…

Primo intervento alla prostata i…

Via il tumore alla pros…

Ossido nitrico cardio-protettore…

Durante lo sforzo fisico …

Bendaggio gastrico: non si ripre…

Dopo dieci anni non c'è p…

Influenza: il meccanismo del vir…

Un gruppo di ricercatori …

Organi in provetta partendo da s…

Ricostruire organi interi…

Massa grassa: importante durante…

[caption id="attachme…

[Cordis] Il grid computing per l…

[caption id="attachment_8…

Il sud est asiatico libero dalla…

Dichiarazione da parte de…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: da prioni di topo arrivano speranze di nuova cura

La cura del morbo di Alzheimer potrebbe essere a portata di mano: gli scienziati hanno messo a punto il primo componente chimico che ferma la degenerazione e la morte del tessuto cerebrale.


I risultati sono considerati una sorta di rivoluzione rispetto all’approccio tradizionale, che del resto aveva avuto un successo limitato e offerto nessuna prospettiva di cura.alzheimer Ancora non c’e’ il farmaco, ma gli scienziati ritengono che una volta messo a punto si potrebbero curare non solo il morbo di Alzheimer, ma anche il morbo di Parkinson, la malattia di Huntington e le altre malattie neurodegenerative. La scoperta dei ricercatori dell’universita’ di Leicester ha mostrato che si puo’ fermare la morte delle cellule del cervello da prioni nei topi.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi