#Tumori: gli esperti puntano sui…

I nanofarmaci hanno migli…

Bibite gassate: a New York non s…

I limiti salutisti al con…

Da Palermo la proposta di ‘Anemi…

Professori, medici spec…

Lo zucchero abbassa i livelli de…

[caption id="attachme…

Sanità: Pensare al futuro oltre …

Milano, 13 maggio 2013 …

Tumori: scoperto un gene chiave …

Un gruppo di scienziati a…

Gli integratori e il benessere d…

Germano Scarpa, Preside…

Virtu' anti-obesita' delle prote…

[caption id="attachment_6…

Oppioidi ingegnerizzati: modific…

I GENI del papavero da op…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: da prioni di topo arrivano speranze di nuova cura

La cura del morbo di Alzheimer potrebbe essere a portata di mano: gli scienziati hanno messo a punto il primo componente chimico che ferma la degenerazione e la morte del tessuto cerebrale.


I risultati sono considerati una sorta di rivoluzione rispetto all’approccio tradizionale, che del resto aveva avuto un successo limitato e offerto nessuna prospettiva di cura.alzheimer Ancora non c’e’ il farmaco, ma gli scienziati ritengono che una volta messo a punto si potrebbero curare non solo il morbo di Alzheimer, ma anche il morbo di Parkinson, la malattia di Huntington e le altre malattie neurodegenerative. La scoperta dei ricercatori dell’universita’ di Leicester ha mostrato che si puo’ fermare la morte delle cellule del cervello da prioni nei topi.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi