Come le renne vedono ultraviolet…

L'occhio umano percepisce…

Giovani malati di cancro: nuove …

Un progetto dell’UE ha co…

Oppioidi ingegnerizzati: modific…

I GENI del papavero da op…

Grafene super con un'altra sorpr…

Realizzato un team di ric…

Resveratrolo, un aiuto per mante…

Con il resveratrolo, l’an…

Scoperto il segreto della 'droga…

[ANSA]Comune a molte form…

Comportamento impulsivo grave: l…

[caption id="attachment_1…

Si fa strada l'ossigeno-ozono te…

Mal di schiena, dolori ce…

Rebif® (interferone beta-1a), il…

·         10 anni ded…

Vita sessuale meno dolorosa in m…

Il dolore da rapporto ses…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: da prioni di topo arrivano speranze di nuova cura

La cura del morbo di Alzheimer potrebbe essere a portata di mano: gli scienziati hanno messo a punto il primo componente chimico che ferma la degenerazione e la morte del tessuto cerebrale.


I risultati sono considerati una sorta di rivoluzione rispetto all’approccio tradizionale, che del resto aveva avuto un successo limitato e offerto nessuna prospettiva di cura.alzheimer Ancora non c’e’ il farmaco, ma gli scienziati ritengono che una volta messo a punto si potrebbero curare non solo il morbo di Alzheimer, ma anche il morbo di Parkinson, la malattia di Huntington e le altre malattie neurodegenerative. La scoperta dei ricercatori dell’universita’ di Leicester ha mostrato che si puo’ fermare la morte delle cellule del cervello da prioni nei topi.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x