Il futuro antivirale e' nei veic…

[caption id="attachment_7…

Alzheimer: l'esercizio fisico da…

Basta un'ora di esercizio…

Anemia: gene essenziale in caren…

- Un team di ricercatori …

Epatite C: una nuova terapia che…

Un gruppo di ricercatori …

Cellule staminali: nuovo metodo …

Un gruppo di studiosi del…

Nuova forma di comunicazione neu…

Gli innumerevoli campi el…

Stalking: in Italia vittima 1 pe…

Se ne parla al Campus Ang…

Dal veleno di scorpioni, serpent…

Le loro tossine possono e…

Fibrosi Cistica: direttamente im…

Studio ricercatori Bambin…

Emergenza Epatite C: quale progr…

Presentata oggi al Minist…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: da prioni di topo arrivano speranze di nuova cura

La cura del morbo di Alzheimer potrebbe essere a portata di mano: gli scienziati hanno messo a punto il primo componente chimico che ferma la degenerazione e la morte del tessuto cerebrale.


I risultati sono considerati una sorta di rivoluzione rispetto all’approccio tradizionale, che del resto aveva avuto un successo limitato e offerto nessuna prospettiva di cura.alzheimer Ancora non c’e’ il farmaco, ma gli scienziati ritengono che una volta messo a punto si potrebbero curare non solo il morbo di Alzheimer, ma anche il morbo di Parkinson, la malattia di Huntington e le altre malattie neurodegenerative. La scoperta dei ricercatori dell’universita’ di Leicester ha mostrato che si puo’ fermare la morte delle cellule del cervello da prioni nei topi.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x