Differenza genica tra uomo e cav…

Due importanti caratteris…

Crisi ipoglicemiche: sei settima…

Un programma di correzion…

Ictus al femminile: come preveni…

L’American Heart Associat…

Malaria: l'azione diretta su lar…

Colpire i siti di ri…

Vita sessuale meno dolorosa in m…

Il dolore da rapporto ses…

Scompenso cardiaco grave: l’alte…

[caption id="attachme…

Il ruolo dei prioni nella memori…

Le proteine prioniche, no…

Dal 29 novembre al primo dicembr…

Il numero uno della Socie…

Mele: i pediatri vigilano sull'a…

A Roma il 16 Febbraio 201…

Tumori: il gioco chiave delle be…

Non solo predisposizione …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Osteoporosi: il 20 ottobre ‘H-OPEN DAY’ in oltre 70 ospedali con il bollino rosa

ondaL’iniziativa, promossa da O.N.Da, prevede convegni, incontri, esami gratuiti nei principali centri ‘a misura di donna’ e si concluderà il 22 Ottobre a Milano con un convegno rivolto ai cittadini. 

Milano, 7 Ottobre 2013 – Torna per il quarto anno consecutivo, in occasione della Giornata mondiale contro l’osteoporosi del 20 Ottobre, l’H-Open Day organizzato dall’Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna (O.N.Da) insieme a oltre 70 ospedali premiati con i Bollini Rosa, impegnati a sensibilizzare le italiane nei confronti di una malattia che si previene e si risolve, non solo grazie a un sano stile di vita e a una dieta corretta, ma anche grazie a un’adeguata informazione.

L’iniziativa, realizzata grazie al contributo di Amgen, prevede negli ospedali aderenti convegni, consulenze mediche ed esami gratuiti.

 

“L’osteoporosi – spiega la Presidente di O.N.Da, Francesca Merzagora – è una patologia a largo impatto sociale, con diverse e comprovate conseguenze negative di matrice sanitaria, sociale ed economica, spesso sottovalutata e affrontata con grave ritardo. Si tratta, infatti, di una malattia silenziosa, che può progredire per diversi anni fino a quando viene confermata la diagnosi o finché non avviene una frattura. I numeri parlano chiaro: a causa dell’alto indice di invecchiamento, si stima che entro il 2050 le fratture di femore saliranno dagli attuali 1,6 milioni annui a 5-6 milioni; solo in Italia, si passerà da 86 mila fratture di femore, registrate nel 2000, a circa 150 mila entro il 2020. Fondamentali sono dunque, da un lato, l’attenzione per la malattia nella fase di prevenzione e di prescrizione delle cure, che devono ridurre il rischio di frattura e di rifrattura, e dall’altro, la motivazione del paziente al proseguimento della terapia, spesso interrotta o non adeguatamente seguita, con un grave spreco economico.

L’iniziativa dell’H-Open Day, che coordiniamo quest’anno in collaborazione con oltre 70 ospedali italiani premiati con i nostri Bollini Rosa, ha come obiettivo quello di accompagnare le donne nei centri di riferimento della loro città per ricevere un’assistenza appropriata”.

A conclusione degli eventi organizzati sul territorio, si terrà Martedì 22 Ottobre a Milano il convegno aperto alla cittadinanza “Osteoporosi e farmaci: quale futuro?” (Ore 11,30, Sala Ricci – Fondazione culturale San Fedele, Piazza San Fedele).

Per maggiori informazioni e l’elenco dei centri dove si svolgerà l’iniziativa visitare il sito  www.bollinirosa.it, telefonare allo 02/29015286 o scrivere a openday@ondaosservatorio.it.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!