Tumore alle ovaie: spiegati i me…

Uno studio condotto da ri…

La complessa struttura di una ce…

La vita è più complessa d…

La dieta mediterranea per le don…

Migliore salute e vita pi…

Ictus: un nemico speciale per le…

29 OTTOBRE 2014 LA GIORN…

Cellule muscolari ottenute da st…

Scoperta una nuova strate…

DNA sintetico alternativo: l'XNA

Per la prima volta si è r…

Cancro al colon: scoperto gene c…

Si chiama GSK 3B (Gly…

Leucemia: un marker predittivo d…

I ricercatori canadesi de…

Lo stafilococco, ecco come infet…

Un team di ricercatori d…

Asparagi disintossicanti per il …

Troppo alcol durante le f…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sclerosi multipla e cellule staminali: bene la paziente “numero uno” trattata.

Ad un anno dall’avvio della sperimentazione, è al momento positivo l’esito per la paziente italiana ‘numero uno’ che per prima è stata trattata con cellule staminali mesenchimali adulte contro la sclerosi multipla (SM), nell’ambito del progetto internazionale MESEMS.mesenchymal-stem-cells Ad annunciarlo è Antonio Uccelli, coordinatore mondiale della sperimentazione e responsabile del Centro Sm dell’Università di Genova, in occasione del 29/o Congresso europeo Ectrims sul trattamento e la ricerca sulla Sm.
“La prima paziente trattata con staminali, italiana, ha iniziato la sperimentazione un anno fa ed ha ora terminato lo studio. Ad un anno – afferma Uccelli – non sono stati evidenziati effetti collaterali, ricadute o rischi, e la paziente riporta una soggettiva sensazione di benessere e miglioramento”.

Un esito dunque positivo ma è ancora troppo presto per trarre delle conclusioni, e l’esperto invita alla prudenza. La sperimentazione prevede, in totale, l’arruolamento di 160 pazienti e finora ne sono stati arruolati 36. I primi risultati definitivi sono attesi per il 2015.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi