Convegno sul laser per intervent…

GREENLIGHT: IN SALA OPERA…

Raggi UV: il meccanismo di difes…

[caption id="attachme…

Dal paziente "Tan" alla nascita …

A 150 anni dalla morte, è…

Farmaco anticolesterolo con la s…

Un farmaco, comunemente u…

Due geni collegati ai crimini di…

(ASCA)Washington, 28 ott.…

Depressione: fino a due anni pri…

Per arrivare finalmente a…

Staminali embrionali per riparar…

[caption id="attachment_6…

Alzheimer: lunghe dormite per ri…

Dormire di piu' riduce le…

La memoria spaziale di una muffa…

Una muffa unicellulare, P…

Pseudomonas auruginosa: ecco le …

Il batterio inietta tos…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sclerosi multipla e cellule staminali: bene la paziente “numero uno” trattata.

Ad un anno dall’avvio della sperimentazione, è al momento positivo l’esito per la paziente italiana ‘numero uno’ che per prima è stata trattata con cellule staminali mesenchimali adulte contro la sclerosi multipla (SM), nell’ambito del progetto internazionale MESEMS.mesenchymal-stem-cells Ad annunciarlo è Antonio Uccelli, coordinatore mondiale della sperimentazione e responsabile del Centro Sm dell’Università di Genova, in occasione del 29/o Congresso europeo Ectrims sul trattamento e la ricerca sulla Sm.
“La prima paziente trattata con staminali, italiana, ha iniziato la sperimentazione un anno fa ed ha ora terminato lo studio. Ad un anno – afferma Uccelli – non sono stati evidenziati effetti collaterali, ricadute o rischi, e la paziente riporta una soggettiva sensazione di benessere e miglioramento”.

Un esito dunque positivo ma è ancora troppo presto per trarre delle conclusioni, e l’esperto invita alla prudenza. La sperimentazione prevede, in totale, l’arruolamento di 160 pazienti e finora ne sono stati arruolati 36. I primi risultati definitivi sono attesi per il 2015.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi