Al via il 1° premio giornalistic…

L’iniziativa, promossa da…

Dermatologia: non più di una lam…

Il bel tempo tarda ad arr…

Fino al 31 dicembre #nonmiarrend…

LE STELLE DEL PULITO AL S…

Un farmaco contro il diabete can…

[caption id="attachment_1…

Rischio Alzheimer: individuati n…

Le persone con accumu…

Alzheimer: nuovo test per la dia…

Alcuni ricercatori hanno …

Metastasi ossee: un anticorpo ch…

[caption id="attachment_5…

ET: il batterio che si nutre di …

[caption id="attachment_1…

Impulsi laser per inserire nelle…

[caption id="attachment_8…

Lesioni midollari: come stanno p…

I risultati delle ricerch…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sclerosi multipla e cellule staminali: bene la paziente “numero uno” trattata.

Ad un anno dall’avvio della sperimentazione, è al momento positivo l’esito per la paziente italiana ‘numero uno’ che per prima è stata trattata con cellule staminali mesenchimali adulte contro la sclerosi multipla (SM), nell’ambito del progetto internazionale MESEMS.mesenchymal-stem-cells Ad annunciarlo è Antonio Uccelli, coordinatore mondiale della sperimentazione e responsabile del Centro Sm dell’Università di Genova, in occasione del 29/o Congresso europeo Ectrims sul trattamento e la ricerca sulla Sm.
“La prima paziente trattata con staminali, italiana, ha iniziato la sperimentazione un anno fa ed ha ora terminato lo studio. Ad un anno – afferma Uccelli – non sono stati evidenziati effetti collaterali, ricadute o rischi, e la paziente riporta una soggettiva sensazione di benessere e miglioramento”.

Un esito dunque positivo ma è ancora troppo presto per trarre delle conclusioni, e l’esperto invita alla prudenza. La sperimentazione prevede, in totale, l’arruolamento di 160 pazienti e finora ne sono stati arruolati 36. I primi risultati definitivi sono attesi per il 2015.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi