Riforma degli Ordini: occasione …

"Non è pensabile che dopo…

Alzheimer: una risonanza potrebb…

Con una risonanza al cerv…

Riprendere peso ed effetto yoyo:…

Una sola proteina, la ver…

Dolore: cresce del 15% il consum…

Si concludono oggi le pri…

Gambe senza riposo: dagli oppioi…

La “Restless Legs Syndrom…

Acido folico e Vitamina B12 prev…

L’assunzione di acido fol…

Cinque volti della nevralgia si …

Bruciante, formicolante, …

Come il cervello "legge", preved…

Tecniche di risonanza mag…

Addio, Renato Dulbecco, protagon…

Con Renato Dulbecco scomp…

Scompenso cardiaco: l'Universita…

Sono stati scoperti i mec…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sclerosi multipla e cellule staminali: bene la paziente “numero uno” trattata.

Ad un anno dall’avvio della sperimentazione, è al momento positivo l’esito per la paziente italiana ‘numero uno’ che per prima è stata trattata con cellule staminali mesenchimali adulte contro la sclerosi multipla (SM), nell’ambito del progetto internazionale MESEMS.mesenchymal-stem-cells Ad annunciarlo è Antonio Uccelli, coordinatore mondiale della sperimentazione e responsabile del Centro Sm dell’Università di Genova, in occasione del 29/o Congresso europeo Ectrims sul trattamento e la ricerca sulla Sm.
“La prima paziente trattata con staminali, italiana, ha iniziato la sperimentazione un anno fa ed ha ora terminato lo studio. Ad un anno – afferma Uccelli – non sono stati evidenziati effetti collaterali, ricadute o rischi, e la paziente riporta una soggettiva sensazione di benessere e miglioramento”.

Un esito dunque positivo ma è ancora troppo presto per trarre delle conclusioni, e l’esperto invita alla prudenza. La sperimentazione prevede, in totale, l’arruolamento di 160 pazienti e finora ne sono stati arruolati 36. I primi risultati definitivi sono attesi per il 2015.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x