Staminali: primo trapianto contr…

Grazie all'utilizzo di …

Ebola: arriva invito a cautela s…

Ieri, la notizia del sier…

Sangue: usare la luce per esamin…

Buone notizie per chi ha …

Malattie infiammatorie croniche:…

A Bergamo esperti a confr…

Nuova tecnica di imaging microsc…

[caption id="attachme…

[1° comunicato EASD]Diabete di t…

48° Congresso EASD - Euro…

HIV: scoperto il meccanismo che …

[caption id="attachment_7…

Ictus: da scienziati europei arr…

L'UE registra ogni anno c…

Tutti i mezzi dei Farmacisti vol…

Roma, 2 novembre 2016. La…

Supercellule che rigenerano il c…

Uno studio in collaborazi…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Danni al midollo: trattamento ipossia migliora “andamento” dei pazienti

Un gruppo di scienziati della Emory University in Atlanta potrebbe aver trovato un nuovo trattamento che puo’ aiutare le persone che hanno subito un danno al midollo spinale a camminare meglio.


midollo_spinale Lo studio e’ stato pubblicato sulla rivista Neurology, dell’American Accademy of Neurology. “Circa il 59 per cento di tutti i danni al midollo spinale sono incompleti, e permettono al midollo di cambiare in modo da consentire alle persone di camminare di nuovo, ma una persona affetta da un danno fra i livelli C2 e T12 riprende raramente a camminare. Il nostro studio propone un nuovo modo promettente di costruire quelle connessioni che consentono di camminare meglio”, ha spiegato Randy Trumbover, autore principale della ricerca.

Gli scienziati hanno ottenuto un miglioramente nella resistenza e nella velocita’ del camminare somministrando un trattamento, per un breve periodo, di ipossia (respirazione con una quantita’ minore di ossigeno). Secondo gli scienziati in queste condizioni la serotonina spinale, un neurotrasmettitore, innesca una cascata di cambiamenti nelle proteine che possono aiutare a ripristinare le connessioni nel midollo.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi