Un semplice esame del sangue, in…

•    Nuova sotto-analisi …

Un enzima contro la dipendenza d…

[caption id="attachment_5…

I NAS: cinquant’anni a difesa d…

“Riconoscenza e stima dag…

Milano all’avanguardia nel tratt…

Dottor Maurizio Cremona, …

AIRC, Università di Pavia: da 'v…

Vecchi antibiotici ritorn…

Genoma paterno e longevità (a ri…

Vivono più a lungo rispet…

10 aprile 2015: PRIMA GIORNATA …

In Italia 12 nuovi casi …

L'epilessia si combatte anche a …

11 febbraio 2013 – Se all…

Tumori: l'oncologo Tirelli e stu…

Il rapporto annuale sull…

Il ritorno a scuola dopo le vaca…

I pidocchi si contraggono…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Danni al midollo: trattamento ipossia migliora “andamento” dei pazienti

Un gruppo di scienziati della Emory University in Atlanta potrebbe aver trovato un nuovo trattamento che puo’ aiutare le persone che hanno subito un danno al midollo spinale a camminare meglio.


midollo_spinale Lo studio e’ stato pubblicato sulla rivista Neurology, dell’American Accademy of Neurology. “Circa il 59 per cento di tutti i danni al midollo spinale sono incompleti, e permettono al midollo di cambiare in modo da consentire alle persone di camminare di nuovo, ma una persona affetta da un danno fra i livelli C2 e T12 riprende raramente a camminare. Il nostro studio propone un nuovo modo promettente di costruire quelle connessioni che consentono di camminare meglio”, ha spiegato Randy Trumbover, autore principale della ricerca.

Gli scienziati hanno ottenuto un miglioramente nella resistenza e nella velocita’ del camminare somministrando un trattamento, per un breve periodo, di ipossia (respirazione con una quantita’ minore di ossigeno). Secondo gli scienziati in queste condizioni la serotonina spinale, un neurotrasmettitore, innesca una cascata di cambiamenti nelle proteine che possono aiutare a ripristinare le connessioni nel midollo.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!