Siena: via allo sviluppo vaccino…

[caption id="attachment_7…

La percezione visiva migliorata …

Anche chi vede bene non s…

Come si adatta il cervello allo …

Come si adatta il cervell…

Diabete e ictus: la genetica ind…

[caption id="attachment_8…

Linagliptin riduce in modo signi…

I risultati degli studi…

Mamma, vado all’asilo. Tutti i c…

Decidere di mandare un ba…

Tumori sfuggono al sistema immun…

[caption id="attachment_6…

Prima interfaccia cerebrale uomo…

Comandare il moviment…

EPAC ONLUS plaude alla prima ris…

[caption id="attachment_7…

Telethon al S. Raffaele, scopre …

La scoperta, realizza…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fibrillazione: espone a rischio attacco cardiaco

Migliore salute e vita più lunga per le donne che seguono i dettami della dieta mediterranea. Un altro studio ancora promuove i cibi della nostra tradizione come un vero e proprio toccasana, ma anche gustoso

Buone nuove per le donne, in particolare per quelle di mezza età. Secondo un nuovo studio, la dieta mediterranea non solo promuove la salute, ma allunga anche la vita.

Vanto del nostro Paese, la dieta cosiddetta mediterranea è principalmente composta da cibi quali frutta, verdura, cereali, olio d’oliva… tutti ricchi di sostanze benefiche e utili all’organismo.
«Le donne con abitudini alimentari più sane durante la mezza età sono state trovate avere il 40% più probabilità di vivere fino a 70 anni di età e oltre», ha commentato la dott.ssa Cecilia Samieri, che ha condotto lo studio quando ancora alla Harvard Medical School e Brigham and Women’s Hospital di Boston.fibrillazione

Lo studio, pubblicato su Annals of Internal Medicine, è stato condotto da Samieri e colleghi esaminando le cartelle cliniche e la dieta di oltre 10mila donne che facevano parte del “Nurses’ Health Study” e che avevano un’età compresa tra i 50 e i 60 anni e non presentavano malattie croniche.
Le partecipanti sono state seguite per 15 anni, periodo in cui hanno dovuto fornire nuove informazioni circa la propria dieta e la salute, al fine di valutare cosa era cambiato in durante gli anni trascorsi.

I ricercatori fanno notare che la dieta mediterranea è caratterizzata principalmente da una maggiore assunzione di frutta, verdura, legumi, cereali integrali, pesce e una minore assunzione di carni rosse e lavorate. A questo si accompagna una maggiore assunzione di grassi monoinsaturi – per lo più forniti dall’olio d’oliva – e minori quantità di grassi saturi. L’assunzione di alcol deve essere moderata.

I risultati delle analisi hanno mostrato che le donne che mangiavano più sano non solo hanno vissuto più a lungo, ma hanno anche prosperato in quanto a salute. Esse hanno infatti avuto meno probabilità di sviluppare gravi malattie croniche e, per contro, maggiori probabilità di mantenere un fisico attivo e sano, così come per la salute mentale e la capacità di pensiero.

Sebbene la ricerca non abbia dimostrato un nesso di causa/effetto, è indubbio che seguire una dieta sana come quella mediterranea ha permesso alle partecipanti di vivere più in salute e più a lungo, con un impulso del 40%, rispetto a coloro che hanno seguito questa dieta solo in parte o per nulla.

Secondo la dott.ssa Samieri, sono i modelli di dieta sani a essere vincenti, e non i cibi individualmente, per cui seguire un modello come la dieta mediterranea è una buona opzione per favorire la salute e la longevità – anche negli uomini, dato che numerosi altri studi hanno dimostrato che i benefici non sono genere dipendenti, ossia si hanno in tutti e due i sessi.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!