Malattie uomo-donna: differenze …

ROMA - L'ansia e la depre…

E’ nata WAIDID, l'Associazione M…

il debutto al Summit di…

Misurazioni cerebrali: ricercato…

I ricercatori in Finlandi…

Il processo di generazione di nu…

[caption id="attachment_2…

Abiraterone acetato: aumenta sig…

[caption id="attachme…

Ottenuta albumina umana da chicc…

Un team di ricercatori ci…

Calcoli alla colecisti, un probl…

Calcoli alla colecisti, u…

Nelle insuline ‘con il cervello’…

Le ultime ricerche vann…

Cancro al fegato: vaccino vaiolo…

- Un farmaco ottenuto d…

Presbiopia: si può curare col la…

Mantenere giovane la vist…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Noduli tiroidei: Nuova classificazione italiana citologica sulla base della pericolosità

Stabilire una classificazione citologica dei noduli della tiroide unica e accettata in tutto il mondo per formulare una corretta diagnosi e individuare strategie terapeutiche appropriate e condivise per ogni tipo di lesione.

Questo l’obiettivo primario del 9* Corso Multidisciplinare di Patologia e Citologia Tiroidea, che si svolgera’ venerdi’ 22 e sabato 23 novembre a Roma, presso l’Aula Brasca del Policlinico Gemelli dell’Universita’ Cattolica. La classificazione delle lesioni tiroidee e’ uno strumento indispensabile per orientare la scelta tra un approccio terapeutico di tipo medico – cioe’ con terapia farmacologica e percio’ non invasiva- oppure di tipo chirurgico con l’asportazione della lesione.

La tiroide

La tiroide

Il Corso quest’anno presentera’ una nuova classificazione italiana delle lesioni tiroidee valida a livello mondiale che sara’ illustrata sabato 23 novembre da Francesco Nardi della Sapienza Universita’ di Roma, primo nome nel lavoro inviato al Journal of Endocrinological Investigation (JEI), insieme a tutti membri del Comitato italiano SIAPEC-AIT (Societa’ Italiana di Anatomia Patologica e Citologia diagnostica – Associazione Italiana della Tiroide) che hanno sottoscritto la nuova classificazione, con il contributo dei maggiori esperti internazionali di lesioni della tiroide: Virginia A. LiVolsi e Zubair Baloch, Universita’ di Pennsylvania, (Philadelphia, USA). La nuova classificazione italiana e’ nata dallo sforzo congiunto di anatomo-patologi ed endocrinologi, con il contributo di chirurghi e medici nucleari, con l’obiettivo di calibrare al meglio l’approccio terapeutico, ricorrendo all’intervento chirurgico solo in caso di lesioni con forte probabilita’ di malignita’ e trattando con terapia farmacologia e follow-up le restanti lesioni che rappresentano la stragrande maggioranza dei noduli tiroidei (circa il 90%). ”Sono solo tre le comunita’ scientifiche al mondo che hanno compiuto questo sforzo: quella del Regno unito, l’Italia e gli Stati Uniti”, spiega Guido Fadda, professore aggregato presso l’Istituto di Anatomia patologica dell’Universita’ Cattolica di Roma e coordinatore scientifico del corso. ”Nel 2007 avevamo presentato la classificazione italiana SIAPEC-IAP, pubblicata nel 2008 e inclusa nelle Linee Guida Italiane per la Gestione delle Lesioni Nodulari Tiroidee.

In quella classificazione si prevedevano 5 categorie diagnostiche, ognuna delle quali caratterizzata da una differente e appropriata terapia. Queste categorie, dette TIR, hanno una gradazione da 1 a 5 a seconda della gravita’ della lesione, da TIR 1 a TIR 5, dove la categoria TIR 5 raggruppa tutte le lesioni maligne, cioe’ tutti i tumori maligni della tiroide”. ”Da allora – continua Fadda – sulla base di un accurato monitoraggio, un comitato ad hoc composto da 5 citopatologi (appartenenti alla SIAPEC) e 5 endocrinologi, appartenenti alle due piu’ importanti societa’ endocrinologiche (la Societa’ Italiana di Endocrinologia e l’Associazione Medici Endocrinologi, entrambe appartenenti all’AIT) ha curato l’aggiornamento della classificazione del 2007, un lavoro che e’ stato appena terminato e inviato per la pubblicazione alla prestigiosa rivista internazionale Journal of Endocrinological Investigation (JEI). La multidisciplinarieta’ di questo sforzo, a garanzia del migliore approccio terapeutico, e’ l’elemento che distingue la classificazione italiana da quelle statunitense e britannica”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!