Dal 9 all'11 giugno tutti in cam…

Sport, corretto approccio…

L'aquipe del Professor De Lisa c…

Ospedale Santissima Tri…

YAP, “Young Against Pain”: premi…

Roma, 26 Marzo 2015 – Son…

La tela del ragno e i segreti in…

La capacità di resistere …

Aggiornamento dei foglietti illu…

Roma, 7 maggio 2014 - “E’…

Cinque grammi di sale al giorno …

Troppo sale nei piatt…

Osteoporosi: TAC addominale potr…

La Tac addominale ch…

Schizofrenia e collegamento con …

Un gruppo di scienziati d…

Colla delle cozze: allo studio, …

Il segreto del formidabil…

Vaccini: è italiana la scoperta …

Una proteina 'chimerica',…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Autismo e flora intestinale: la “strana” connessione

Molte persone affetti da disordine dello spettro autistico presentano anche problemi gastrointestinali.


Un gruppo di scienziati del California Institute Technology ha pensato di sfruttare questa circostanza e sviluppare una terapia per autismo e altri disordini del neurosviluppo che coinvolgesse i batteri intestinali. autismoCome si legge sula rivista Cell, gli scienziati hanno dimostrato per la prima volta che cambiamenti nella flora intestinale di alcuni topolini possono influenzare comportamenti simili a quelli dell’autismo umano. Alcuni topolini che riproducevano un modello autistico soffrivano anche di permeabilita’ intestinale.

Gli scienziati hanno trattato questi animali con Bacteroides fragilis, un batterio usato per terapie probiotiche in modelli animali di malattie gastrointestinali. Corretto il problema intestinale, i topi hanno mostrato cambiamenti comportamentali: in particolare, era piu’ probabile che comunicassero con altri topi, che fossero meno ansiosi ed era meno probabile che indulgessero nel comportamento ripetitivo.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!