Innovazione in campo nutrizional…

Il test genetico e l’inte…

Diabete: quali sono i legami con…

Ci sarebbe un legame tra …

Arriva il contraccettivo dei cin…

[caption id="attachment_8…

Il meccanismo che decide la fine…

I ricercatori del Sanford…

Carenza di ferro e anemia: nel m…

Diete sbagliate e disturb…

Il colore dei capelli 'estratto'…

E' possibile grazie all'i…

Il Consiglio di Stato conferma c…

Roma, 11 marzo 2013 - “Fa…

Cervello: la precarietà della ma…

L'instabilita' della …

Quando il dentista è in vacanza …

Dal dottor Marco Turc…

Scoprire e trattare l’intolleran…

Milano, 16 dicembre 2013 …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Autismo e flora intestinale: la “strana” connessione

Molte persone affetti da disordine dello spettro autistico presentano anche problemi gastrointestinali.


Un gruppo di scienziati del California Institute Technology ha pensato di sfruttare questa circostanza e sviluppare una terapia per autismo e altri disordini del neurosviluppo che coinvolgesse i batteri intestinali. autismoCome si legge sula rivista Cell, gli scienziati hanno dimostrato per la prima volta che cambiamenti nella flora intestinale di alcuni topolini possono influenzare comportamenti simili a quelli dell’autismo umano. Alcuni topolini che riproducevano un modello autistico soffrivano anche di permeabilita’ intestinale.

Gli scienziati hanno trattato questi animali con Bacteroides fragilis, un batterio usato per terapie probiotiche in modelli animali di malattie gastrointestinali. Corretto il problema intestinale, i topi hanno mostrato cambiamenti comportamentali: in particolare, era piu’ probabile che comunicassero con altri topi, che fossero meno ansiosi ed era meno probabile che indulgessero nel comportamento ripetitivo.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!