Rush finale per la 2a edizione d…

Scade il prossimo 31 ot…

Vasi sanguigni funzionali da cel…

Le cellule staminali pl…

A OLBIA L’OPEN DAY “LA SALUTE DE…

Il 26 novembre screening …

Un algoritmo permettera' ad un P…

[caption id="attachment_5…

Tumore alla prostata: presto il …

Prossimi gli esiti dei pr…

Il gene TERC causa dell'invecchi…

[caption id="attachment_5…

Tumore al cervello: scoperta la …

[caption id="attachment_1…

Akitalab, un progetto indipenden…

[DAL SITO] 1° Ricerca Ita…

Alzheimer: scoperto un anticorpo…

Un nuovo studio pubblicat…

La possibilita' di un vaccino an…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore al seno: cellule staminali per contrastarlo, interessante scoperta a Trieste

Uno studio coordinato dal Laboratorio Nazionale Cib di Area Science Park Trieste e dalla locale Universita’ ha indagato il motore che da’ la spinta ai tumori mammari, le cellule staminali tumorali, scoprendo come fermarlo.


I risultati della ricerca sono stati pubblicati online dalla rivista scientifica ‘Embo Molecular Medicine’. Nel dettaglio, le cellule staminali dei tessuti sani rinnovano i tessuti durante la vita dell’organismo, li riparano se danneggiati, li rigenerano e potrebbero curare diverse malattie. Nei tumori, le cellule staminali invece sono un temibile avversario, da diversi anni riconosciute come il nemico numero uno. Danno inizio al cancro e sono responsabili del suo eventuale ritorno, anche a distanza di anni, anche quando sembra di aver estirpato completamente il male.breast_cancer Le cellule staminali tumorali, infatti, sopravvivono ai trattamenti e danno origine alle metastasi. Piu’ e’ alto il loro contenuto in un tumore e piu’ questo e’ aggressivo. Arrivare a colpire le staminali e’ come arrivare al cuore del tumore. Molti sforzi negli ultimi anni sono stati realizzati per cercare di comprenderne la natura e di individuare i fattori chiave che ne determinano il comportamento, per tentare poi di neutralizzarle attraverso di essi. Uno di questi fattori l’ha scoperto il team di scienziati coordinato da Giannino Del Sal, professore ordinario di biologia applicata dell’Universita’ di Trieste e capo dell’unita’ di oncologia molecolare del Laboratorio Nazionale Cib. Si tratta di una proteina, Pin1, da cui dipende il funzionamento e il destino di moltissime altre proteine cruciali per la sopravvivenza e la moltiplicazione cellulare, per la salvaguardia del patrimonio genetico e molto altro ancora.
Del Sal, che dal 2012 e’ anche direttore del Dipartimento di Scienze della Vita dell’Universita’ di Trieste, spiega: ”Studiando la ghiandola mammaria normale abbiamo capito che Pin1 e’ una proteina fondamentale per il tessuto sano, per la sopravvivenza e il rinnovamento della speciale nicchia delle cellule staminali. Da questa osservazione al tumore, il passo e’ stato poi breve.

Sapevamo, infatti, che Pin1 si ritrova spesso espresso a livelli abnormi in diversi tumori, in particolare nei piu’ aggressivi. Ci siamo chiesti quindi se, stravolto il suo normale funzionamento, lo stesso fattore che controlla le cellule staminali del tessuto sano potesse avere un ruolo anche nella biologia delle cellule staminali tumorali”. La scoperta piu’ significativa, dal punto di vista clinico, gli scienziati l’hanno fatta quando hanno provato a somministrare farmaci chemioterapici a cellule tumorali private di Pin1. Se normalmente le cellule staminali tumorali sono in grado di resistere al trattamento e di espandersi poi ulteriormente, in assenza di Pin1 perdono questa capacita’ e muoiono. Togliere Pin1 al tumore sembra, quindi, che equivalga a togliere lo scudo alle sue staminali che, rese cosi’ vulnerabili, potrebbero diventare un piu’ facile bersaglio delle terapie. Gli studi che hanno condotto a questi risultati fanno parte del programma di ricerche coordinato da Del Sal e finanziato dall’Airc (Associazione italiana per la ricerca sul cancro), nell’ambito della campagna di finanziamenti Oncologia Molecolare Clinica 5X1000.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: