Gene dell'intelligenza: la chiav…

Per la prima volta gli s…

I primi mille giorni di vita det…

Nutrizione, epigenetica, …

Sindrome di Joubert: uno studio …

[caption id="attachment_6…

I produttori di equivalenti fann…

Le quote di spettanza di …

La soglia del dolore scandita da…

[caption id="attachment_…

Le regioni cerebrali più vecchie…

Una nuova ricerca rafforz…

Ixazomib orale raggiunge endpoin…

Takeda annuncia che la pr…

La discesa dei prezzi è figlia d…

Giusto sottolineare la di…

Vitamina C: si dimostra in grado…

[caption id="attachment_5…

Scoperta molecola che rende più …

Gli scienziati, ‘blocca…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Valutare il potenziale mondiale della ricerca sulle cellule staminali

Il settore della ricerca sulle cellule staminali sta crescendo a una velocità di oltre il doppio (7 %) rispetto alla media globale della ricerca (2,9 %), lo afferma un nuovo rapporto.

Lo studio, che ha esaminato la crescita e lo sviluppo del settore delle cellule staminali nella sua interezza, ha esaminato anche il panorama della ricerca sulle cellule staminali embrionali e sulle cellule staminali pluripotenti indotte.

Il rapporto è stato preparato congiuntamente da un consorzio che comprendeva il progetto EUROSTEMCELL, finanziato dall’UE, ed è stato discusso in occasione del recente Vertice mondiale sulle cellule staminali tenutosi a San Diego, negli Stati Uniti. Esso evidenzia i risultati positivi dello sviluppo della ricerca sulle cellule staminali.

Per esempio, le pubblicazioni sulle cellule staminali sono citate il 50 % in più rispetto alla media mondiale di tutti i settori collegati. Circa la metà di tutti gli articoli sulle cellule staminali usano parole chiave legate allo “sviluppo di farmaci” o alla “medicina rigenerativa”. Riflettendo lo sviluppo in corso nel settore e la promessa dal punto di vista clinico, il 47 % delle pubblicazioni sulle cellule staminali usano parole chiave legate alla medicina rigenerativa, mentre il 2 % usano parole chiave legate allo sviluppo di farmaci.

Singapore, Italia, Stati Uniti, Giappone e Israele hanno dimostrato il più alto livello di attività nel settore della ricerca sulle cellule staminali, mentre gli USA e la Cina hanno il più ampio volume.

“L’obiettivo di questo rapporto era sostenere lo sviluppo nel settore della scienza delle cellule staminali e la discussione politica presentando una visione d’insieme dei settori insieme a opinioni di esperti”, ha detto Nick Fowler, direttore generale delle Istituzioni accademiche e governative per Elsevier, uno degli autori del rapporto. “Siamo orgogliosi di avere avuto l’opportunità di collaborare con EUROSTEMCELL, l’Università di Kyoto, iCeMS e gli esperti che hanno dato un prezioso contributo”.

Le cellule staminali sono cellule che rinnovano riserve di cellule specializzate che sono state usate o danneggiate. Possono riprodurre continuamente copie di sé stesse e di altri tipi di cellule più specializzate. Questo le rende uniche. A differenza di un globulo rosso, che trasporta ossigeno attraverso il flusso sanguigno, o una cellula muscolare che lavora con le altre cellule per produrre il movimento, una cellula staminale non ha proprietà fisiologiche specializzate.

Questo le rende molto interessanti per la scienza e in particolare per la medicina. Alcune delle malattie più gravi, come il cancro e le malattie congenite, sono dovute a una divisione e differenziazione cellulare anormale. Capire meglio cosa controlla dal punto di vista genetico e molecolare questi processi potrebbe generare informazioni su come queste malattie sorgono e suggerire nuove strategie di cura.

È un obiettivo importante della ricerca sulle cellule staminali e una delle motivazioni principali di EUROSTEMCELL, che è stato lanciato a marzo del 2010. Finanziato con 830 238 euro attraverso il Settimo programma quadro (7° PQ) della Commissione, il progetto coinvolge oltre 90 laboratori europei di ricerca sulle cellule staminali e la medicina rigenerativa in un impegno coordinato per coinvolgere il pubblico nella scienza delle cellule staminali. EUROSTEMCELL si concluderà a febbraio 2014.

“Questo rapporto ci dà una prospettiva del settore internazionale delle cellule staminali basandosi su tecniche bibliometriche avanzate per identificare tendenze nazionali e internazionali – dove la ricerca sulle cellule staminali è più forte, dov’è il settore che si sta sviluppando più rapidamente, se i risultati di iniziative singole stanno producendo pubblicazioni ad alto impatto e così via”, ha detto la prof.ssa Clare Blackburn, del Centro di medicina rigenerativa MRC, Università di Edimburgo, e coordinatrice del progetto EUROSTEMCELL.

“È stato interessantissimo analizzare questi dati perché contengono molte informazioni stimolanti. Speriamo che i lettori acquisiranno una migliore comprensione dello stato di questo settore che stimoli future discussioni politiche”.

Per maggiori informazioni, visitare:

EUROSTEMCELL
http://www.eurostemcell.org/

Scheda informativa del progetto
http://cordis.europa.eu/projects/rcn/94445_it.html

Categoria: Progetti

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!