Statine efficaci anche nella pre…

Le statine sembrano esser…

Parkinson giovanile: scoperta la…

E' un meccanismo molecola…

Gli estrogeni sono il segreto de…

L’ormone sessuale femmini…

Aspirina: protegge dal cancro al…

L'aspirina protegge dal t…

Cancro: molecola che induce cell…

Scienziati creano una mol…

Le bugie hanno il naso caldo

Ricercatori europei nel s…

Premiato il mondo a colori delle…

    PREMIATO IL MON…

All’Istituto San Carlo open day…

Busto Arsizio (VA), maggi…

Come la mamma trasmette l''odore…

La paura? E' nell'aria. I…

Vaccino veicolato da bioimpianto…

...anche se la sensaziona…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Valutare il potenziale mondiale della ricerca sulle cellule staminali

Il settore della ricerca sulle cellule staminali sta crescendo a una velocità di oltre il doppio (7 %) rispetto alla media globale della ricerca (2,9 %), lo afferma un nuovo rapporto.

Lo studio, che ha esaminato la crescita e lo sviluppo del settore delle cellule staminali nella sua interezza, ha esaminato anche il panorama della ricerca sulle cellule staminali embrionali e sulle cellule staminali pluripotenti indotte.

Il rapporto è stato preparato congiuntamente da un consorzio che comprendeva il progetto EUROSTEMCELL, finanziato dall’UE, ed è stato discusso in occasione del recente Vertice mondiale sulle cellule staminali tenutosi a San Diego, negli Stati Uniti. Esso evidenzia i risultati positivi dello sviluppo della ricerca sulle cellule staminali.

Per esempio, le pubblicazioni sulle cellule staminali sono citate il 50 % in più rispetto alla media mondiale di tutti i settori collegati. Circa la metà di tutti gli articoli sulle cellule staminali usano parole chiave legate allo “sviluppo di farmaci” o alla “medicina rigenerativa”. Riflettendo lo sviluppo in corso nel settore e la promessa dal punto di vista clinico, il 47 % delle pubblicazioni sulle cellule staminali usano parole chiave legate alla medicina rigenerativa, mentre il 2 % usano parole chiave legate allo sviluppo di farmaci.

Singapore, Italia, Stati Uniti, Giappone e Israele hanno dimostrato il più alto livello di attività nel settore della ricerca sulle cellule staminali, mentre gli USA e la Cina hanno il più ampio volume.

“L’obiettivo di questo rapporto era sostenere lo sviluppo nel settore della scienza delle cellule staminali e la discussione politica presentando una visione d’insieme dei settori insieme a opinioni di esperti”, ha detto Nick Fowler, direttore generale delle Istituzioni accademiche e governative per Elsevier, uno degli autori del rapporto. “Siamo orgogliosi di avere avuto l’opportunità di collaborare con EUROSTEMCELL, l’Università di Kyoto, iCeMS e gli esperti che hanno dato un prezioso contributo”.

Le cellule staminali sono cellule che rinnovano riserve di cellule specializzate che sono state usate o danneggiate. Possono riprodurre continuamente copie di sé stesse e di altri tipi di cellule più specializzate. Questo le rende uniche. A differenza di un globulo rosso, che trasporta ossigeno attraverso il flusso sanguigno, o una cellula muscolare che lavora con le altre cellule per produrre il movimento, una cellula staminale non ha proprietà fisiologiche specializzate.

Questo le rende molto interessanti per la scienza e in particolare per la medicina. Alcune delle malattie più gravi, come il cancro e le malattie congenite, sono dovute a una divisione e differenziazione cellulare anormale. Capire meglio cosa controlla dal punto di vista genetico e molecolare questi processi potrebbe generare informazioni su come queste malattie sorgono e suggerire nuove strategie di cura.

È un obiettivo importante della ricerca sulle cellule staminali e una delle motivazioni principali di EUROSTEMCELL, che è stato lanciato a marzo del 2010. Finanziato con 830 238 euro attraverso il Settimo programma quadro (7° PQ) della Commissione, il progetto coinvolge oltre 90 laboratori europei di ricerca sulle cellule staminali e la medicina rigenerativa in un impegno coordinato per coinvolgere il pubblico nella scienza delle cellule staminali. EUROSTEMCELL si concluderà a febbraio 2014.

“Questo rapporto ci dà una prospettiva del settore internazionale delle cellule staminali basandosi su tecniche bibliometriche avanzate per identificare tendenze nazionali e internazionali – dove la ricerca sulle cellule staminali è più forte, dov’è il settore che si sta sviluppando più rapidamente, se i risultati di iniziative singole stanno producendo pubblicazioni ad alto impatto e così via”, ha detto la prof.ssa Clare Blackburn, del Centro di medicina rigenerativa MRC, Università di Edimburgo, e coordinatrice del progetto EUROSTEMCELL.

“È stato interessantissimo analizzare questi dati perché contengono molte informazioni stimolanti. Speriamo che i lettori acquisiranno una migliore comprensione dello stato di questo settore che stimoli future discussioni politiche”.

Per maggiori informazioni, visitare:

EUROSTEMCELL
http://www.eurostemcell.org/

Scheda informativa del progetto
http://cordis.europa.eu/projects/rcn/94445_it.html

Categoria: Progetti

Archivi