Ictus: nanovettori per curarlo, …

L'uso di vettori di dimen…

Tumori: virus Herpes simplex mod…

[caption id="attachment_8…

Panico: sindrome della IV settim…

Cresce in Italia la paura…

Tumori: il colesterolo alto acce…

Il degrado del colestero…

TEVA annuncia i progressi degli …

- I risultati clinici per…

Raggi X: nanotubi per amplificar…

[caption id="attachme…

Nascita Prematura: Fenomeno In A…

Due Tavoli tecnici promos…

Disturbi renali: è anche la velo…

La bassa velocita' d…

Promette e funziona il vaccino a…

[caption id="attachment_9…

Superbroccoli sempre più antican…

Scienziati statunitensi h…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Vista: stampate per la prima volta le cellule prese dall’occhio. Ottimi risultati preliminari

Un gruppo di ricercatori britannici ha usato la tecnologia di stampa a getto di inchiostro per stampare correttamente, per la prima volta, cellule prese dall’occhio.


L’esperimento, descritto su Biofabrication, potrebbe portare alla produzione di tessuti artificiali, realizzati sfruttando le varieta’ di cellule che si trovano sulla retina umana, e potrebbe essere di aiuto alla creazione di inedite strategie per la cura dei casi di cecita’. Si tratta comunque ancora di risultati preliminari che pero’ forniscono la prova che una stampante puo’ essere utilizzata con successo per stampare due tipi di cellule della retina dei topi adulti: le gangliari e le gliali. Le cellule stampate sono rimaste sane e hanno conservato la loro capacita’ di sopravvivere e crescere in coltura.

“Il nostro studio – ha spiegato Barbara Lorber dell’Universita’ di Camrbidge, tra gli autori – ha dimostrato per la prima volta che cellule derivate dal maturo sistema centrale nervoso – l’occhio – possono essere stampare utilizzando una stampante a getto di inchiostro piezoelettrica.
Il nostro scopo sara’ in futuro utilizzare questa tecnologia per le riparazioni retiniche”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi