Inquinamento domestico: un risch…

Nella polvere delle nostr…

DNA: da quattro a otto le basi o…

Per decenni, gli scienzia…

Cancro: nuove varianti genetiche…

Una maxi ricerca intern…

Bayer: in corso il Programma BHA…

Milano, 24 ottobre 2016 –…

Ovociti congelati: pratica che d…

Il congelamento degli ovo…

Obesità: scoperte cellule in gra…

Scoperte le cellule respo…

TEVA ITALIA: ROBERTA BONARDI BUS…

Milano, Novembre 2014– Da…

Cellule staminali fetali contro …

Una singola iniezione…

Vitamina D, i raggi ultraviolett…

I raggi ultravioletti po…

Demenza: parlare due lingue è qu…

Parlare una seconda lingu…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alcune cellule renali possono rappresentare il giusto bersaglio per trattamento insufficienza renale

Alcune cellule renali potrebbero diventare in futuro un promettente target per il trattamento dell’insufficienza renale, secondo uno studio pubblicato sul Journal of the American Society of Nephrology (JASN).


La nuova ricerca condotta dalla University of Aachen, in Germania, si e’ concentrata sui podociti, fondamentali per la funzione renale al punto che la perdita del venti-trenta per cento del loro ammontare puo’ causare insufficienza. Il team di studiosi ha cercato di scoprire se era possibile rigenerare i podociti sfruttando le cellule progenitrici putative renali: le parietali. Attraverso diversi esperimenti effettuati sui topi, i ricercatori hanno scoperto che i podociti non possono essere rinnovati attraverso le parietali.    Al contrario, dopo la perdita dei podociti le cellule parietali giocano un ruolo negativo, causando cicatrici nel rene che contribuiscono al progressivo declino della funzione renale. “La scoperta apre una nuova e molto importante strada per prevenire la perdita della funzione renale – hanno spiegato gli autori dell’indagine – e cioe’ puntare in futuro sull’inibizione delle cellule parietali, bloccandone il lavoro distruttivo di cicatrizzazione” .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi