Scoperto un processo chiave nel …

[caption id="attachment_1…

Neuroprotesi che rende "palpabil…

Una schiera di elettrodi …

LA SIPPS plaude alla diminuzione…

Da anni la Società Italia…

I segreti della memoria "spazial…

Due nuove ricerche sui ra…

HIV: in vitro scienziati modific…

Gli scienziati della Ucla…

Cancro al seno: microonde contro…

[caption id="attachme…

Interpretare l'alfabeto del cont…

Scienziati del Karolinska…

Olio extravergine di oliva: alle…

[caption id="attachment_7…

Sclerodermia e granulomatosi di …

MILANO - Continua in reum…

Prende il via il progetto di ric…

Prende il via il Progetto…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Crescita ridotta nei primi tre mesi di gestazione comporta danni al cuore del nascituro

La crescita ridotta nei primi tre mesi di gravidanza e’ un fattore di rischio cardiovascolare per l’infanzia, secondo un nuovo studio condotto dall’Erasmus University Medical Center pubblicato su BMJ.


I risultati della ricerca confermano che il primo trimestre di gravidanza e’ un periodo critico per la salute cardiovascolare in eta’ pediatrica. pregnancyFase che include il periodo “embrionale” di rapido sviluppo, quando il cuore e altri importanti organi cominciano a formarsi. L’indagine ha coinvolto un campione di 1.184 bambini in eta’ scolare, le cui misure nel grembo durante la fase fetale erano state prese anni prima. La ricerca ha tenuto in conto anche diversi fattori di rischio cardiovascolare, indice di massa corporea, distribuzione del grasso corporeo, pressione arteriosa, livelli di colesterolo e concentrazioni di insulina.

Dai dati e’ emerso che i bambini che erano piu’ piccoli durante i primi tre mesi di gravidanza mostrano a sei anni una maggiore massa grassa totale, un maggior quantitativo di grasso accumulato intorno all’addome, la pressione arteriosa piu’ alta e un profilo di colesterolo negativo.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x