Metalli pesanti nei cosmetici: a…

Una nuova ricerca riv…

International Nano MIT and the …

International Nano MI…

Gioco d’azzardo patologico, colp…

È un vero e proprio allar…

Ipertermia per la cura dei tumor…

[caption id="attachment_6…

Tumori: scoperti partner 'moleco…

[caption id="attachment_…

Ipertensione, i quattro fattori …

Congresso europeo di card…

Ricerca italiana sull'ipertensio…

[caption id="attachment_2…

Geni "lontani" dalle aree del ge…

Vicini di casa a sorpresa…

Depressione post-parto e gravida…

La depressione dopo i…

Apnea notturna e i rischi di ict…

Le persone che soffrono d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Crescita ridotta nei primi tre mesi di gestazione comporta danni al cuore del nascituro

La crescita ridotta nei primi tre mesi di gravidanza e’ un fattore di rischio cardiovascolare per l’infanzia, secondo un nuovo studio condotto dall’Erasmus University Medical Center pubblicato su BMJ.


I risultati della ricerca confermano che il primo trimestre di gravidanza e’ un periodo critico per la salute cardiovascolare in eta’ pediatrica. pregnancyFase che include il periodo “embrionale” di rapido sviluppo, quando il cuore e altri importanti organi cominciano a formarsi. L’indagine ha coinvolto un campione di 1.184 bambini in eta’ scolare, le cui misure nel grembo durante la fase fetale erano state prese anni prima. La ricerca ha tenuto in conto anche diversi fattori di rischio cardiovascolare, indice di massa corporea, distribuzione del grasso corporeo, pressione arteriosa, livelli di colesterolo e concentrazioni di insulina.

Dai dati e’ emerso che i bambini che erano piu’ piccoli durante i primi tre mesi di gravidanza mostrano a sei anni una maggiore massa grassa totale, un maggior quantitativo di grasso accumulato intorno all’addome, la pressione arteriosa piu’ alta e un profilo di colesterolo negativo.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!