Incostituzionalità del divieto d…

“Siamo ora pronti a prose…

AIRP presenta il libro "Dentro d…

“ARPKD chiama, AIRP rispo…

Fumo passivo: invecchia di tre a…

Nuovo allarme per il fum…

Dolore da lesione spinale: un ai…

Una sola iniezione potreb…

Malattie rare: un gene che provo…

I ricercatori dell'Istitu…

Gene della longevità: scoperta t…

Esiste un gene della lon…

Dimostrato come in alcuni geni è…

[caption id="attachment_7…

Ipertensione: il protocollo farm…

Un paziente su quattro n…

Asplenia congenita isolata: scop…

Alcuni ricercatori de…

Tumori ereditari: insorgenza in …

Nelle donne, l'insorgenza…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Melanoma: incidenza di recidive dipende dalla forza del sistema immunitario. Studio italiano su legame con cellule immunitarie

Studio italiano scopre un nuovo legame con cellule immunitarie
Il sistema immunitario può aiutare a scrivere la storia del melanoma, tumore della pelle tra i più aggressivi e difficili da curare.


Uno studio del gruppo di ricerca guidato da Monica Rodolfo, biologa dell’Unità di Immunoterapia dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, pubblicato sulla rivista scientifica Cancer Research, rivela lo stretto rapporto tra cellule immunitarie e il rischio che il tumore torni a far paura nei 5 anni successivi alla rimozione con intervento chirurgico.

I ricercatori hanno analizzato campioni di tessuto prelevati dai linfonodi sentinella, i linfonodi più vicini all’area del tumore e più a rischio di metastasi, di 42 pazienti affetti da melanoma con differente aggressività della malattia. In aggiunta i ricercatori hanno raccolto campioni di sangue da 25 pazienti con melanoma di stadio 3 e 4 e li hanno comparati con quelli di donatori sani combinati per età e sesso. L’attenzione è caduta sulla molecola CD30, che risulta più espressa nelle cellule immunitarie linfonodali e in quelle circolanti dei pazienti con malattia aggressiva. Le stesse cellule mostrano una funzione alterata e sono segno di immunosoppressione o di esaurimento dell’immunità antitumore. I ricercatori hanno trovato inoltre che le cellule con immunitarie positive per il marcatore CD30 erano più espresse nei linfonodi sentinella dei pazienti con recidiva del tumore e in quelli con stadio della malattia avanzato.

“Questo studio – commenta Marco Pierotti direttore scientifico dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano – si colloca nella tradizione di ricerca immunologica e di immunoterapia dei tumori, caratteristica di questo Istituto, ma integrata da innovativi approcci molecolari volti a comprendere i complessi rapporti che si instaurano tra il tumore e l’organismo che lo ospita. Riconoscere in ciascun paziente se il suo sistema immunitario reagisce al melanoma o lo subisce, consentirà di modulare gli interventi per ottimizzare efficacia terapeutica e corretta allocazione di risorse economiche”. Lo sviluppo clinico di queste informazioni potrebbe consentire di identificare quali pazienti, dopo l’intervento chirurgico, abbiano un elevato rischio di recidiva e necessitino quindi di ulteriori terapie, evitando invece un trattamento inutile e tossico ai pazienti guariti dalla chirurgia. “La molecola CD30 – spiega Monica Rodolfo – potrebbe diventare un nuovo bersaglio terapeutico per i pazienti con melanoma. Essendo già disponibili farmaci che agiscono su questo marcatore CD30, è possibile immaginare che questa nuova strategia terapeutica possa essere studiata nei pazienti in tempi relativamente brevi”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi