Diabete: l'aumento di acidi gras…

I pazienti affetti da dia…

La chirurgia tra tecniche sempre…

Centinaia di chirurghi da…

Spondiloartriti: 7 diagnosi su 1…

Ben 7 pazienti su 10 …

Sedano e prezzemolo possono arre…

Una sostanza contenuta ne…

Diabete. Rischio di fallimento p…

Quale assistenza per il d…

Rene policistico: ridotti i casi…

I pazienti affetti da ma…

Termalismo: a Monfalcone gocce d…

Le rinnovate Terme Roma…

Infezioni polmonari: esperto con…

Asciugare il bucato in ca…

Tumore al cervello: scoperta la …

[caption id="attachment_1…

L'importanza del medico di medic…

L’importanza del medico d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tolleranza alla morfina: nuovo potenziale bersaglio

Identificata una potenziale strategia che in futuro potrebbe aiutare a inibire lo sviluppo della tolleranza agli oppioidi nei pazienti sotto trattamento per il dolore cronico.


La scoperta e’ di un nuovo studio condotto da Yuan-Xiang Tao della Rutgers State University of New Jersey che ha dimostrato che la tolleranza alla morfina e l’ipersensibilita’ al dolore sono associate all’attivazione in eccesso della proteina mTOR. Dai test effettuati sui modelli animali esposti agli oppioidi e’ emerso che la mTOR appare espressa a livelli significativamente elevati nei neuroni del corno dorsale.  Area in cui si pensa abbiano origine la desensibilizzazione e l’iperalgesia agli oppioidi. Conseguenze che sono state bloccate nei topi esposti a iniezioni croniche di morfina attraverso la somministrazione di rapamicina, farmaco che e’ riuscito ad inibire la tolleranza all’oppioide.

I risultati candidano la mTOR come promettente specifico bersaglio contro l’assuefazione dalle terapie contro il dolore cronico. La ricerca e’ stata pubblicata sul ‘Journal of Clinical Investigation’.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!