Il citoscheletro: ecco come orga…

I movimenti delle protein…

Ecco come il diabete riscrive la…

[caption id="attachme…

[Telethon] Un trucco molecolare …

[caption id="attachment_6…

Studio mette in rilievo affinità…

Chi si somiglia si piglia…

La cultura "di ferro" anti-anemi…

Le ragazze italiane a…

Diabetici: si usano i vermi per …

Un nuovo trattamento co…

Le radici genetiche della schizo…

Un nuovo studio ha consid…

Un nuovo strumento per parlare d…

Bari, 22 novembre 2013 – …

Tumore al seno: cellule staminal…

Uno studio coordinato dal…

Neuroprotesi più accurate e più …

In un nuovo articolo, un …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tolleranza alla morfina: nuovo potenziale bersaglio

Identificata una potenziale strategia che in futuro potrebbe aiutare a inibire lo sviluppo della tolleranza agli oppioidi nei pazienti sotto trattamento per il dolore cronico.


La scoperta e’ di un nuovo studio condotto da Yuan-Xiang Tao della Rutgers State University of New Jersey che ha dimostrato che la tolleranza alla morfina e l’ipersensibilita’ al dolore sono associate all’attivazione in eccesso della proteina mTOR. Dai test effettuati sui modelli animali esposti agli oppioidi e’ emerso che la mTOR appare espressa a livelli significativamente elevati nei neuroni del corno dorsale.  Area in cui si pensa abbiano origine la desensibilizzazione e l’iperalgesia agli oppioidi. Conseguenze che sono state bloccate nei topi esposti a iniezioni croniche di morfina attraverso la somministrazione di rapamicina, farmaco che e’ riuscito ad inibire la tolleranza all’oppioide.

I risultati candidano la mTOR come promettente specifico bersaglio contro l’assuefazione dalle terapie contro il dolore cronico. La ricerca e’ stata pubblicata sul ‘Journal of Clinical Investigation’.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi