Diabete di tipo 2: gli asparagi …

Nella frittata, nel risot…

Tumore alla prostata: recidiva c…

La valutazione dettagliat…

Testosterone sarà la contraccezi…

[caption id="attachment_5…

Vaccino: tutto quello che bisogn…

Un esperto parla del vacc…

La "sesta base" del DNA e le spe…

Quella che è stata battez…

Scoperto il segreto della 'droga…

[ANSA]Comune a molte form…

Frutti rossi: due o tre porzioni…

Due o tre porzioni di fr…

Malaria: alcuni batteri presenti…

Le persone con limitata v…

Pediatria: no ai mucolitici sott…

La Societa' Italiana di P…

Gravi disturbi del sonno e la re…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: la vitamina E rallenta il declino cognitivo

L’uso di vitamina E nei pazienti con lieve o moderato morbo di Alzheimer rallenta il declino funzionale, secondo un nuovo studio pubblicato su JAMA.


La ricerca condotta da Maurice W. Dysken del Minneapolis VA Health Care System ha scoperto che un dosaggio quotidiano di 2000 UI di vitamina E, rispetto al placebo, rallenta efficacemente il declino funzionale dei pazienti e riduce la loro necessita’ di essere assistiti. alzheimerL’indagine ha coinvolto un campione di seicentotredici pazienti con Alzheimer di lieve e moderata entita’. Le prestazioni e lo stato di salute dei partecipanti sono stati monitorati attraverso l’Alzheimer’s Disease Cooperative Study/Activities of Daily Living (ADCS-ADL) Inventory score. Su un periodo medio di follow up di 2,3 anni, i pazienti che hanno ricevuto la vitamina E hanno mostrato un declino funzionale piu’ lento di quelli che hanno ricevuto il placebo con tassi annuali di riduzione del diciannove per cento. Nel gruppo a cui e’ stata somministrata la vitamina E, il tempo dedicato all’assistenza da medici e familiari e’ diminuito di circa due ore al giorno.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!