Un singolo gene responsabile del…

Un singolo gene potrebbe …

Cancro alla bocca: anche il caff…

Bere più di quattro tazze…

IL PAZIENTE ONCOLOGICO E INTERNE…

Dall’analisi del comporta…

Quel che resta del ricordo e' so…

[caption id="attachment_6…

Le vie cerebrali del gusto

Anche per questo senso es…

Progetto Behta: oncologi oggi a …

Senigallia, 2 Maggio – …

Il nostro sistema immunitario sp…

Il 29 aprile si celebra l…

Controllare i battiti cardiaci t…

[caption id="attachment_8…

Malattia di Huntington: ancora n…

L’attuale mancanza di una…

Un test del DNA predice la possi…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epilessia: trattamento precoce per ridurre convulsioni febbrili

Il trattamento precoce con farmaci antiepilettici riduce la durata delle convulsioni febbrili, secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista ‘Epilepsia’ dell’International League Against Epilepsy (ILAE).

La ricerca, condotta dal Children’s Hospital di Richmond della Virginia Commonwealth University, rivela che i bambini con stato febbrile epilettico che ricevono una terapia immediata con medicinali antiepilettici sperimentano una diminuzione della durata delle crisi.    Lo studio ha coinvolto centonovantanove pazienti in eta’ pediatrica (da un mese a sei anni) che avevano avuto convulsioni febbrili di piu’ di trenta minuti in media. I ricercatori hanno analizzato il rapporto tra durata del sequestro, ritardo del trattamento e morbilita’ correlate.

I risultati hanno dimostrato che circa il 90 per cento dei bambini ha ricevuto almeno un farmaco antiepilettico mentre piu’ di una dose e’ stata necessaria per il 70 per cento dei pazienti per porre fine alle convulsioni da stato febbrile epilettico. Il tempo medio di “sequestro” e’ risultato di 81 minuti per i bimbi trattati prima dell’arrivo al pronto soccorso contro i 95 minuti di quelli non trattati.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x