Il ritorno a scuola dopo le vaca…

I pidocchi si contraggono…

Geni del metabolismo cellulare: …

Una molecola potrebbe aiu…

Depressione: una proteina potreb…

Gli scienziati hanno…

Fecondazione in vitro: maggiore …

Le donne che producono m…

La grandezza del cervello dipend…

[caption id="attachme…

Genoma: la vita artificiale dive…

[caption id="attachment_2…

Una sofisticata microcamera in g…

[caption id="attachment…

Polipi e tumori del tratto color…

I polifenoli estratti da…

Smog: tra i probabili effetti il…

Secondo uno studio pubbli…

Ossa e cartilagini: ricostruirle…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epilessia: trattamento precoce per ridurre convulsioni febbrili

Il trattamento precoce con farmaci antiepilettici riduce la durata delle convulsioni febbrili, secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista ‘Epilepsia’ dell’International League Against Epilepsy (ILAE).

La ricerca, condotta dal Children’s Hospital di Richmond della Virginia Commonwealth University, rivela che i bambini con stato febbrile epilettico che ricevono una terapia immediata con medicinali antiepilettici sperimentano una diminuzione della durata delle crisi.    Lo studio ha coinvolto centonovantanove pazienti in eta’ pediatrica (da un mese a sei anni) che avevano avuto convulsioni febbrili di piu’ di trenta minuti in media. I ricercatori hanno analizzato il rapporto tra durata del sequestro, ritardo del trattamento e morbilita’ correlate.

I risultati hanno dimostrato che circa il 90 per cento dei bambini ha ricevuto almeno un farmaco antiepilettico mentre piu’ di una dose e’ stata necessaria per il 70 per cento dei pazienti per porre fine alle convulsioni da stato febbrile epilettico. Il tempo medio di “sequestro” e’ risultato di 81 minuti per i bimbi trattati prima dell’arrivo al pronto soccorso contro i 95 minuti di quelli non trattati.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi