Alti livelli di uno specifico or…

Alti livelli di uno speci…

La strategia “farmaco-invasiva” …

Nuovi dati confermano la …

Boehringer Ingelheim annuncia i …

 L’80% dei pazienti …

Moduli a DNA per lo storage dei …

Nuovi progressi nello sfr…

I Robot Chirurghi: da fantascien…

Tra le novità presentate …

Adenovirus: puzzle della struttu…

[caption id="attachment_8…

29 OTTOBRE 2012 VIII GIORNATA MO…

 Allarme ictus - incremen…

Troppi nutrizionisti in Italia s…

Sei laureato in Scienze e…

Cellule intestinali trasformate …

"Spegnendo" un singolo ge…

Schizofrenia e creativita' condi…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Oppio altera centri cerebrali di ricompensa

L’uso dell’oppio altera l’attivita’ di una specifica proteina necessaria per il normale funzionamento del centro di ricompensa del cervello.


A dirlo uno studio pubblicato sulla rivista Neuropsychopharmacology e condotto da un gruppo di scienziati del The Mount Sinai Hospital. Gli scienziati sono riusciti a bloccare la proteina, oltre che a incrementare la sua espressione nel nucleo accumbens dei topi, un componente chiave del centro di ricompensa del cervello.   Questo e’ il primo studio che mostra che gli oppiacei cambiano l’attivita’ della proteina RGS9-2 e alterano la soglia del dolore oltre a andare a incidere sulla tolleranza verso gli oppioidi. ”Siamo riusciti – ha spiegato Venetia Zachariou, fra gli autori della ricerca – a bloccare la dipendenza, ma l’aumento dell’attivita’ della proteina ha anche abbassato il sollievo dal dolore in risposta alla morfina e i topi hanno sviluppato tolleranza alla morfina molto rapidamente”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi