Contraccettivo maschile non ster…

Scoperto quasi per caso, …

L’American Society of Clinical O…

L’American Society of Cli…

Amigdala più estesa nei bambini …

I bambini ansiosi hanno c…

AIDA inaugura sede a Bari: Dal 1…

Per divulgare le discipli…

La genetica dietro le forme di a…

Il modo in cui l'esperien…

Retinopatia: un antiossidante ri…

La retinopatia del premat…

Tumori al seno: individuati vasi…

Per la prima volta sono s…

Epatite C: terapia che riduce la…

Fra i pazienti con epatit…

Sordità al ritmo: scienziati sco…

Se si hanno difficolta' a…

#COVID-19: il vaccino ReiThera, …

L'Italia è in grado in …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Oppio altera centri cerebrali di ricompensa

L’uso dell’oppio altera l’attivita’ di una specifica proteina necessaria per il normale funzionamento del centro di ricompensa del cervello.


A dirlo uno studio pubblicato sulla rivista Neuropsychopharmacology e condotto da un gruppo di scienziati del The Mount Sinai Hospital. Gli scienziati sono riusciti a bloccare la proteina, oltre che a incrementare la sua espressione nel nucleo accumbens dei topi, un componente chiave del centro di ricompensa del cervello.   Questo e’ il primo studio che mostra che gli oppiacei cambiano l’attivita’ della proteina RGS9-2 e alterano la soglia del dolore oltre a andare a incidere sulla tolleranza verso gli oppioidi. ”Siamo riusciti – ha spiegato Venetia Zachariou, fra gli autori della ricerca – a bloccare la dipendenza, ma l’aumento dell’attivita’ della proteina ha anche abbassato il sollievo dal dolore in risposta alla morfina e i topi hanno sviluppato tolleranza alla morfina molto rapidamente”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x