Prostata: per prevenzione e inut…

[caption id="attachment_9…

Vitamina D: non solo dal sole, m…

Un nuovo studio mostra co…

Papilloma virus, virus che attac…

Una ricerca dell'Azienda …

Infertilità maschile, quando la …

Le infezioni batteriche s…

Due nuovi geni implicati nella s…

[caption id="attachment_5…

Neuroblastoma: un comune farmaco…

[caption id="attachment_9…

Digossina e decessi: uno strano …

La digossina, farmaco com…

Sindrome di down: colina in grav…

Nel caso di feti e bambin…

Diabete: il percorso tecnologico…

In un incontro stampa org…

Ipertensione polmonare: dalla Lo…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Oppio altera centri cerebrali di ricompensa

L’uso dell’oppio altera l’attivita’ di una specifica proteina necessaria per il normale funzionamento del centro di ricompensa del cervello.


A dirlo uno studio pubblicato sulla rivista Neuropsychopharmacology e condotto da un gruppo di scienziati del The Mount Sinai Hospital. Gli scienziati sono riusciti a bloccare la proteina, oltre che a incrementare la sua espressione nel nucleo accumbens dei topi, un componente chiave del centro di ricompensa del cervello.   Questo e’ il primo studio che mostra che gli oppiacei cambiano l’attivita’ della proteina RGS9-2 e alterano la soglia del dolore oltre a andare a incidere sulla tolleranza verso gli oppioidi. ”Siamo riusciti – ha spiegato Venetia Zachariou, fra gli autori della ricerca – a bloccare la dipendenza, ma l’aumento dell’attivita’ della proteina ha anche abbassato il sollievo dal dolore in risposta alla morfina e i topi hanno sviluppato tolleranza alla morfina molto rapidamente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: