A ottobre la Campagna Dolore Mis…

A partire da ottobre negl…

Tumori: un test del sangue per v…

Seguendo l'andamento …

Sindrome di Rett: una cura a bas…

Si aprono nuovi possibili…

Euromelanoma Day 2011: lunedi' 1…

Le donne sopravvivono meg…

Zero casi di meningite: un obiet…

Soglie di copertura vacci…

Microchimerismo: quando framment…

Materiale genetico e cell…

I batteri marini SAR11, antenati…

Un nuovo studio ha scoper…

In memoria di Pino Cucci (1966 -…

Ciao, Pino. Ricordi le n…

Ormoni tiroidei: l’equivalenza d…

Roma, 6 dicembre 2013 - “…

Blocco della dipendenza genica d…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Oppio altera centri cerebrali di ricompensa

L’uso dell’oppio altera l’attivita’ di una specifica proteina necessaria per il normale funzionamento del centro di ricompensa del cervello.


A dirlo uno studio pubblicato sulla rivista Neuropsychopharmacology e condotto da un gruppo di scienziati del The Mount Sinai Hospital. Gli scienziati sono riusciti a bloccare la proteina, oltre che a incrementare la sua espressione nel nucleo accumbens dei topi, un componente chiave del centro di ricompensa del cervello.   Questo e’ il primo studio che mostra che gli oppiacei cambiano l’attivita’ della proteina RGS9-2 e alterano la soglia del dolore oltre a andare a incidere sulla tolleranza verso gli oppioidi. ”Siamo riusciti – ha spiegato Venetia Zachariou, fra gli autori della ricerca – a bloccare la dipendenza, ma l’aumento dell’attivita’ della proteina ha anche abbassato il sollievo dal dolore in risposta alla morfina e i topi hanno sviluppato tolleranza alla morfina molto rapidamente”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!