Diabete di tipo 2: scoperto lega…

Scoperta associazione tr…

Un congresso mondiale fa il punt…

È una malattia degenerati…

Ipotiroidismo: coinvolti un ital…

Solo 1 italiano su 5 sa c…

SIN: appello al Ministro Lorenzi…

La Stimolazione Magnetica…

Emozioni: lette per la prima vol…

Per la prima volta, g…

Proteina chiave nella formazione…

La nestina è una proteina…

Vaccino HPV: valido, ma non abba…

Dopo essersi sottoposte a…

Periodontite: buone nuove per mi…

Dodici milioni di tedesch…

Sistema immunitario: i problemi …

Un gruppo di scienziati …

Vauro per la giornata mondiale d…

..il piacere di connotare…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete: ripercussioni sullo stato della psiche da adulti a seconda dell’età in cui si manifesta l’insorgenza

L’eta’ in cui si sviluppa il diabete sembra avere un impatto sulla funzionalita’ del cervello.


Un nuovo studio, presentato al meeting annuale dell’American Psychosomatic Society, ha scoperto che se il diabete di tipo 1 insorge dagli otto anni d’eta’ in poi indebolisce la connettivita’ cerebrale nel corso della vita.diabete
Effetto, questo, che non si riscontra sui bimbi che ricevono una diagnosi di diabete prima. I risultati della ricerca, condotta dalla University of Pittsburgh, sono stati determinati analizzando le scansioni cerebrali di quarantaquattro adulti di mezza eta’ che hanno ricevuto una diagnosi di diabete di tipo 1 da bambini. Dai dati e’ emerso che l’insorgenza del diabete poco prima o durante la puberta’ interferisce con la normale funzione cerebrale successivamente.

In particolare, chi ha ricevuto la diagnosi dagli otto anni d’eta’ in poi mostra da adulti anomalie cerebrali, come lo sviluppo precoce di declino cognitivo

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi