Il futuro antivirale e' nei veic…

[caption id="attachment_7…

Ricreare le malattie in provetta

Un uso creativo di cellul…

Storie di uomini e batteri: l'in…

La composizione e la funz…

Iperplasia endometriale: allo st…

[caption id="attachment_9…

La combinazione di due farmaci a…

[caption id="attachment_1…

Anche il sangue ha una scadenza

Anche il sangue scade, co…

Linagliptin compresse ottiene pa…

La nuova indicazione pr…

Frutta secca: diminuisce il risc…

Chi mangia piu' frutta s…

Intolleranze alimentari: bloccan…

Washington - Bloccand…

Danni renali acuti: pronto un ki…

[caption id="attachm…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete Tipo 2: parere positivo del CHMP all’approvazione di empagliflozin*

boehringer_lilly3Parere positivo per empagliflozin, il farmaco sperimentale inibitore del co-trasportatore sodio- glucosio di tipo 2 per il trattamento dei pazienti adulti con diabete tipo 2

Ingelheim, Germania e Indianapolis, Indiana, USA, 24 marzo 2014 – Boehringer Ingelheim ed Eli Lilly and Company annunciano che il CHMP, comitato per i farmaci per uso umano dell’Agenzia Europea del Farmaco, ha espresso parere positivo all’approvazione di empagliflozin, farmaco sperimentale inibitore del co-trasportatore sodio- glucosio di tipo 2 (SGLT-2), per il trattamento di pazienti adulti con diabete tipo 2.

Empagliflozin è un farmaco sperimentale della classe degli inibitori del co-trasportatore sodio- glucosio di tipo 2 che riduce la glicemia, indipendentemente dalla funzionalità delle cellule beta pancreatiche e dalla resistenzainsulinica .1, 2 Al parere positivo del CHMP, solitamente, segue entro due mesi la decisione finale della Commissione Europea sull’autorizzazione alla commercializzazione.3

“Il parere positivo del CHMP ci avvicina all’ingresso sul mercato di una nuova potenziale opzione terapeutica per coloro che sono affetti da diabete di tipo 2 in Europa” ha dichiarato il Prof. Klaus Dugi, Corporate Senior Vice President Medicine di Boehringer Ingelheim. “Se verrà approvato, empagliflozin sarà il terzo prodotto frutto dell’alleanza fra Boehringer Ingelheim ed Eli Lilly and Company in Diabetologia ad essere approvato in Europa”.

 

Si stima che nel mondo 382 milioni di persone soffrano di diabete di tipo 1 e 2.4  Il diabete di tipo 2 è il più diffuso, con una percentuale stimata pari all’85-90% di tutti i casi nei Paesi ad alto reddito.4 Benché esistano diverse opzioni terapeutiche per la gestione della patologia, il 50% di chi ne soffre non raggiunge gli obiettivi di controllo glicemico5. 

 

L’alleanza Boehringer Ingelheim e Eli Lilly and Company

A gennaio 2011 Boehringer Ingelheim ed Eli Lilly and Company hanno annunciato di aver formato un’alleanza per l’area diabetologica che riguarda quattro farmaci in via di sviluppo in alcune fra le principali classi farmacologiche. L’alleanza poggia sui punti di forza di due delle maggiori aziende farmaceutiche a livello mondiale, unendo la comprovata capacità d’innovazione che contraddistingue la ricerca di Boehringer Ingelheim, all’esperienza e al ruolo di protagonista in diabetologia che riveste Lilly da molti decenni. Con questa alleanza, le due aziende rinnovano l’impegno e la volontà di mettere a disposizione nuove soluzioni terapeutiche finalizzate alla cura e al miglioramento della qualità della vita dei pazienti con diabete. E’ possibile trovare maggiori informazioni sull’alleanza sul sito www.boehringer-ingelheim.com o sul sito www.lilly.com.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!